Nazionale, Gabbiadini torna a casa: convocato Lapadula

Pubblicato il autore: Alex Baldarelli Segui

Lapadula Milan Italia
Ancora novità importanti giungono da Coverciano: prima convocazione in Nazionale per Gianluca Lapadula. I problemi muscolari occorsi a Manolo Gabbiadini hanno convinto il ct della nazionale Giampiero Ventura a chiamare il centravanti del Milan, reduce dalla rete decisiva contro il Palermo. Dalla prima lista diramata numerose sono state le modifiche, considerando che Andrea Barzagli ha subito una lussazione alla spalla nella gara della Juventus contro il Chievo ed è stato costretto a rinunciare alla convocazione, sostituito da Davide Astori.

Nazionale, out anche Marchisio

A questo si è aggiunto il forfait di Claudio Marchisio, tornato a casa in via precauzionale per problemi al ginocchio che lo ha costretto a saltare i primi due mesi di stagione. Il centrocampista bianconero è stato rimpiazzato dal giovane atalantino Roberto Gagliardini, alla prima chiamata nella nazionale maggiore ed Armando Izzo, difensore del Genoa. L’Italia affronterà il Liechtenstein sabato 12 a Vaduz e la Germania in amichevole il 15. Una convocazione tanto inaspettata quanto piacevole per Gianluca Lapadula: l’ex attaccante del Pescara era infatti tentato dalla proposta del Perù di vestire la maglia della nazionale sudamericana, possibilità concessa in virtù della natalità peruviana della madre.
Questo il comunicato della federazione azzurra:
Manolo Gabbiadini ha lasciato il ritiro della Nazionale: gli esami strumentali effettuati nel pomeriggio hanno confermato il lieve infortunio patito nel corso della gara Napoli-Lazio di sabato scorso, che ha costretto l’attaccante bergamasco a dare forfait senza potersi allenare con gli Azzurri. Al suo posto il Ct Gian Piero Ventura ha convocato Gianluca Lapadula, atteso in tarda serata a Coverciano. Per l’attaccante del Milan si tratta della prima convocazione in Nazionale”.

GABBIADINI OUT, LAPADULA IN – Porte scorrevoli a Coverciano. L’abbandono del ritiro azzurro da parte di Gabbiadini e la chiamata di Lapadula è lo specchio del momento che vivono i due attaccanti. Il primo è caduto in un vortice di astinenza da reti dal quale non riesce ad uscire e con le sue prestazioni eufemisticamente non eccezionali sta facendo rimpiangere non poco il polacco Arkadiusz Milik, vero e proprio trascinatore del Napoli prima dell’infortunio. Mister Sarri per sopperire alla scarsa prolificità di Gabbiadini ha talvolta addirittura sperimentato nuove soluzioni tattiche, utilizzando il belga Dries Mertens come falso nove per dare imprevedibilità all’attacco, così l’ex attaccante della Sampdoria è stato relegato in panchina, un “ruolo” sfortunatamente per lui abituale nell’esperienza partenopea. Gianluca Lapadula sta vivendo la situazione opposta. Approdato in rossonero in estate dal Pescara, dopo i 30 gol in serie B con la maglia degli abruzzesi, sta scalando passo dopo passo le gerarchie dell’attacco del Milan, complice soprattutto il periodo non troppo felice di Bacca sotto l’aspetto realizzativo. A 26 anni corona ora il sogno di vestire d’azzurro dopo anni di esperienza in Lega Pro tra Ivrea, San Marino, Frosinone e Teramo, inframezzata dal campionato 2013-2014 in Slovenia con la maglia del Gorica. Una favola per Sir William. un soprannome attribuitogli dal fratello in onore del protagonista di Braveheart, perchè per storie così è necessario un cuore coraggioso e guerriero come quello di Gianluca Lapadula, perchè a 26 anni, il Milan, la nazionale, è tempo di sognare.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Dybala si tuffa e cerca il rigore in Benevento-Juventus? La dura reazione di Ziliani su Twitter