Verso la sfida con la Samp, il sassolese Matri suona la carica: “tiriamo fuori la nostra rabbia”

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti

maxresdefaultIn un periodo in cui il Sassuolo non sta certo navigando in buone acque e si sta avvicinando alle zone basse della classifica, il centravanti Alessandro Matri suona la carica in vista del match con la Samp: “Sarà un Sassuolo arrabbiato che metterà in campo tutta la voglia di vincere” Quella di Marassi contro la Sampdoria è una partita che per i neroverdi allenati da Eusebio Di Francesco rappresenta l’inizio di un trittico di gare che non può permettersi di sbagliare: Genova, Bilbao in Europaleague e Napoli: tre insidiose trasferte nelle quali il Sassuolo è chiamato a mettere in mostra tutto il suo valore e di riscattare un periodo non favorevole, con un solo punto nelle ultime quattro partite in campionato e due pareggi che rendono incerta la situazione in coppa. E’ il momento insomma di ricominciare a correre e di fare punti pesanti. “Sappiamo – ammette l’attaccante arrivato l’estate scorsa dal Milan – che in trasferta il nostro rendimento lascia alquanto a desiderare, ma veniamo da due settimane di lavoro molto intenso e siamo tutti pronti a riguadagnare il terreno perduto. Le assenze anche a Genova non potranno non condizionare un Sassuolo che i conti l’infermeria li fa da inizio stagione – a Marassi ad esempio per la prima volta mancherà Politano. Ma Matri prova a guardare più avanti, benedice la sosta di campionato – a causa del doppio impegno della nazionale – che comunque ha messo a disposizione di Di Francesco qualche giocatore in più, e ribadisce che “anche se mancano giocatori importanti ce ne sono altri”. E’ vero, non sono tantissimi in realtà ma il mister neroverde alcuni spazi in più per scegliere li ha, forse non a centrocampo ma in attacco sì.
Ed è proprio nel reparto avanzato che Matri diventa una possibile opzione, da gettare nella mischia subito o in corso d’opera per alzare il baricentro della squadra nella trasferta genovese, viste le assenze sugli esterni di Berardi oltre al già citato Politano – che potrebbero suggerire a Di Francesco di decentrare Defrel. Ancora Matri: “Valuterà il mister quali soluzioni adottare”, lasciando però intendere che a lui una maglia da titolare non dispiacerebbe affatto. L’attaccante finora ha reso meno rispetto alle aspettative (un solo gol a Bologna in 13 partite) anche a causa di una forma non al massimo. Lui, che sostiene di stare discretamente bene, aggiunge: “Ho voglia di fare di più e meglio, per dare il giusto contributo alla causa. Le prossime tre partite impongono di non abbassare assolutamente la guardia a cominciare proprio dal match di Marassi. La Samp sta bene e sta disputando un ottimo campionato, ma nel nostro gruppo c’è un forte desiderio di tornare al più presto alla vittoria”. Il Sassuolo, garantisce Matri, “è pronto e si è preparato nel migliore dei modi: le gare vanno affrontate l’una contro l’altra, a cominciare da quella in terra ligure. La nostra classifica in campionato, del resto, ci fa già capire che è una gara importantissima per la nostra squadra”. Sampdoria-Sassuolo sarà arbitrata dal signor Doveri di Roma: con il fischietto romano il Sassuolo ha vinto contro Napoli, Inter e Udinese.alessandro_matri

Leggi anche:  Brutta tegola per Inzaghi, l'attaccante salterà il derby
  •   
  •  
  •  
  •