Scroll to Top

Closing Milan, arrivati altri 100 milioni dai cinesi. Ecco quanto manca per chiudere la trattativa

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
D

Closing Milan, tutto rinviato al 2017

Come era ampiamente prevedibile non ci sono state grosse sorprese per quanto riguarda il closing Milan. Anche la data del tredici dicembre è trascorsa senza colpo ferire con le parti in causa che hanno confermato l’ulteriore scadenza di questa infinita trattativa. Il closing Milan dovrà completarsi entro i primi di marzo 2017 quando la cordata cinese dovrà versare nelle casse rossonere la rimanente parte del pagamento necessario per l’acquisizione della quasi totalitá del Milan. L’unica, ed importante novità che è arrivata nella giornata di oggi riguarda proprio l’aspetto economico della vicenda. Infatti il fondo cinese Sino Europe ha versato i 100 milioni della caparra bis sui conti correnti di Fininvest.  La cordata cinese ha quind mantenuto l’impegno preso nei giorni scorsi proprio a parziale scusante dell’impossibilità di chiudere entrl oggi il closing.La notizia è stata prima confermata da ambienti vicini alla trattativa, poi verso l’ora di pranzo è arrivata l’ufficialità. Adesso scatta il rinvio dell’eventuale closing al 3 marzo 2017.Questi ulteriori cento milioni si aggiungono agli altrettanti già versati lo scorso mese di agosto.

Leggi anche:  Dove vedere Uruguay-Cile, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?

Closing Milan, i prossimi passaggi – Le successive scadenze adesso rimandano al 2017, al prossimo mese di marzo, quando la cordata cinese dovrà entro il 3 dovrà sborsare gli ultimi 320 milioni di euro per completare l’operazione. L’arrivo dei 100 milioni di euro peró non rappresentano una notizis incoraggiante per i tifosi del Milan dal punto di vista,ad esempio, del mercato. Infatti sia quelli di agosto che quelli attuali sono fondi che non verranno investiti sul mercato da Fininvest. Per sperare in qualche colpo di mercato a gennaio il Milan dovrà prima pensare a cedere qualche giocatore…

  •   
  •  
  •  
  •