Coverciano, dal 19 al 20 dicembre ‘Il calcio e chi lo racconta’

Pubblicato il autore: Nicola Digiugno Segui

feder1
La Figc e l’Unione stampa sportiva italiana promuovono la nona edizione del seminario di aggiornamento “Il calcio e chi lo racconta“, rivolto ai giornalisti sportivi. Appuntamento dal 19 al 20 dicembre, al Centro tecnico federale di Coverciano. In programma due giorni di formazione sulle tematiche principali e, soprattutto, attuali: dal rinnovamento della Nazionale avviato da Ventura, che terrà prima una lezione e la conferenza stampa di fine anno, al Var, Video assistant referees, con l’intervento di Roberto Rosetti,  che sta coordinando la sperimentazione italiana. Attenzioni puntate anche sulla questione stadi, approfondita dai rappresentanti di diverse società, Juventus, Roma e Udinese e dal sindaco di Firenze Dario Nardella, e sulle ultime evoluzioni tattiche, che saranno illustrate dal direttore della Scuola allenatori di Coverciano, Renzo Ulivieri.
Nell’ambito dello stesso evento, saranno celebrati i 70 anni dell’Ussi, attraverso una sessione che sarà dedicata alle prospettive future del giornalismo sportivo. Prevista la partecipazione dei giornalisti delle principali testate sportive, alla presenza del presidente della Federazione, Carlo Tavecchio, e del presidente dell’Ussi, Luigi Ferrajolo. I giornalisti interessati potranno accreditarsi  attraverso il sito www.accreditations.figc.it.

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

Il programma completo

Lunedì 19 dicembre

Ore 11 Apertura dei lavori. Saluto di Luigi Ferrajolo, presidente Ussi, e Michele Uva, direttore generale Figc.
Ore 11,15 “La Nazionale verso il futuro”, incontro con Gian Piero Ventura, commissario tecnico della Nazionale
Ore 12,00 Conferenza stampa di fine anno del ct Ventura
Ore 15,15 “Verso il video arbitro: il Var e la sperimentazione italiana”, intervento di Roberto Rosetti, responsabile Figc per il progetto Var.
Ore 17,15 “Stadi di proprietà: solo questione di business?”, interventi di Francesco Gianello, Head dello Juventus Stadium, Mauro Baldissoni, direttore generale As Roma, Gino Pozzo, consigliere dell’Udinese calcio e membro del Consiglio federale Figc, Niccolò Donna, Centro studi Figc, Dario Nardella, sindaco di Firenze.
Ore 19 “Sistemi di gioco: difendere con un modulo, attaccare con un modulo diverso”, intervento di Renzo Ulivieri, presidente Aiac e direttore della scuola Allenatori del settore tecnico della Figc.

Leggi anche:  Milan, Paolo Maldini: contatto con il Gent per Yaremchuk e spinta su Zaccagni

Martedì 20 dicembre
Ore 10,45 Saluto del presidente Figc, Carlo Tavecchio.
Ore 11 “I 70 anni dell’Ussi. Da Bruno Roghi alla generazione 2.0: quali prospettive per il giornalismo sportivo?”, incontro-dibattito con Andrea Monti, La Gazzetta dello Sport; Alessandro Vocalelli, Il Corriere dello Sport Stadio; Paolo De Paola, Tuttosport; Massimo Corcione, Sky Sport; Alberto Brandi, Premium sport; Diego Antonelli, Area digital Rai; Mario Sconcerti, Gianni Merlo, presidente Aips. Moderatore Luigi Ferrajolo.

E’ quanto si apprende dal sito internet ufficiale della Figc, dove si legge anche del pareggio a reti bianche 0-0 fra Italia under 19 e pari età della Serbia, amichevole. Un match povero di occasioni. Un confronto equilibrato allo Stadio ‘Riviera delle Palme’ di San Benedetto del Tronto, tra due squadre che a marzo si ritroveranno impegnate nella Fase elite del Campionato europeo, con l’Italia che ieri dall’urna di Nyon ha pescato Belgio, Svezia e Repubblica d’Irlanda. Il parere dell’allenatore Roberto Baronio, riportato dal sito della Federcalcio: “Sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi, anche se il risultato poteva essere diverso perché ci è stato annullato un gol regolare e l’arbitro avrebbe potuto fischiare anche un rigore a nostro favore per un fallo ai danni di Cutrone. In ogni caso ho avuto le risposte che cercavo dai nuovi, come Confente e Casale e conferme importanti da chi già conoscevo. Avevamo di fronte una squadra tosta, che difendeva con cinque giocatori e che può contare su tanti giocatori di valore, ma i nostri due portieri non hanno praticamente dovuto effettuare nessun intervento”.

  •   
  •  
  •  
  •