Eccellenza Friuli Venezia Giulia: il punto

Pubblicato il autore: Simone Polentarutti Segui
Cjarlins Muzane primo in classifica

Cjarlins Muzane primo in classifica

A due giornate dal termine del girone d’andata del campionato d’eccellenza anche in Friuli Venezia Giulia si iniziano a tirare le somme di quella che è la stagione fino a questo punto. In testa alla classifica ci sta il favoritissimo alla promozione diretta Cjarlins Muzane del presidente Vincenzo Zanutta che, con la bellezza di dieci vittorie e due pareggi, è arrivata a quota 32, quello che basta per guardare tutti dall’alto in basso. A cominciare dalle due dirette inseguitrici, che sono distanti di sette punti. Sono già troppi per far sì che una corazzata come quella di Muzzana del Turgnano sia raggiunta? Solo il proseguo del campionato ci potrà dire la verità. Dietro ad aspettare un passo falso dalla prima troviamo Fontanafredda e Gemonese. La prima è reduce da una retrocessione dalla serie D arrivata dopo i play-out e vuole dimostrare a tutti i costi di meritarsi la categoria superiore, mentre i giallo rossi pedemontani, unici in grado di far piangere il Cjarlins Muzane sono entrati in condizione e non si vogliono più fermare.
Scendiamo di un posto (e di un punto) in graduatoria ed ecco il San Luigi, la neopromossa terribile. La compagine triestina zitta zitta e con qualche prestazione altalenante è arrivata a ridosso dei posti che contano, ma in via Felluga non si montano la testa perché rimane sempre la salvezza l’obiettivo principale. A 23 e 22 punti sono arenate rispettivamente Chions e Lumignacco, però solo su quest’ultima cadono i favori del pronostico. Pronostico nato in estate in seguito ad una campagna acquisti fatta di nomi importanti a livello regionale (l’ex professionista Denis Godeas su tutti). Scendiamo ancora ed arrivando a metà classifica ecco due squadre che sono partite con altre intenzioni di classifica. Stiamo parlando di Torviscosa e Kras (20 punti) che sulla carta sarebbero fatte per puntare la serie D. O almeno giocarsela fino in fondo. Seguono i 19 punti di Union Pasiano e Tricesimo. I pordenonesi sono stati ripescati poco prima dell’inizio della stagione ed in poco tempo sono riusciti a mettere in piedi una squadra competitiva fin da subito e pronta ad un salto di categoria così alto. Da qui incomincia la lotta per la salvezza, un mini campionato che per le sei squadre in lotta vale molto più di una promozione. Ormai staccate dal gruppone che le precede tra passi falsi e vittorie insperate se la giocheranno fino in fondo per un’unico posto che vale la salvezza diretta. in questa situazione più o meno disperata ed in ordine di posizione ci sono Vesna (14), Tolmezzo Carnia (11), Virtus Corno (9), Manzanese (7), Lignano (6)  e Ism Gradisca (6). Di queste sarà solo l’ultima a retrocedere e le quattro che la precedono andranno ai play off in uno scontro diretto in casa della “messa meglio” in cui può succedere di tutto. Ma andiamo con ordine. Il Vesna dopo risultati altalenanti soprattutto all’inizio ha trovato la sua linea guida e sembra quella con quel qualcosa in più per non rischiare più di tanto. Sotto è bagarre e tutte sembrano di pari livello. Classifica alla mano, però ci sta il Tolmezzo Carnia del presidente Claudio Lomuscio e del neo allenatore Sante Bernardo, allenatore giovane e con le idee ben chiare. In Carnia gli scorsi anni è sempre stato difficile vincere ma quest’anno tutto è cambiato. Virtus Corno e Manzanese stanno a galla solo grazie a qualche exploit o grazie a qualche scontro diretto favorevole. Ad essere messe peggio, infatti, sono Lignano e Ism Gradisca. Lagunari e goriziani rimangono bloccati in fondo ma, come si dice, i conti si fanno alla fine.

Leggi anche:  De Ligt replica le critiche di Van Basten: il difensore senza paura
  •   
  •  
  •  
  •