Football Leaks, il mondo del calcio trema! Ma la Roma non ci sta!

Pubblicato il autore: Pietro D'Alessandro Segui

football Foto da “L’Espresso”

Una vera e propria bufera rischia di abbattersi sul mondo del calcio. Il giornale spagnolo “El Mundo” e quello tedesco “Der Spiegel” paventano uno scandalo di dimensioni enormi. “Football Leaks” è il nome attribuito all’indagine, condotta da 12 testate giornalistiche tra cui l’italiana “L’Espresso”, che farebbe luce tra una serie infinita di transazioni, affari offshore e trasferimenti all’estero per cifre elevate e avrebbe avuto inizio dalle rivelazioni di una fonte anonima che avrebbe fornito ad “El Mundo” un archivio segreto in seguito condiviso dal giornale spagnolo con le altre testate riunite nel network EIC, European Investigative Collaborations.

Football Leaks: chi è coinvolto?

I nomi più importanti che sembrerebbero coinvolti nello scandalo “Football Leaks” sono quelli di Josè Mourinho e di Cristiano Ronaldo.
Secondo quanto riportato su “corriere.it/sport”, Mourinho avrebbe trasferito in Nuova Zelanda dei capitali attraverso dei conti intestati alla moglie, mentre Ronaldo avrebbe utilizzato le Isole Vergini britanniche per sottrarre al fisco i proventi derivanti dal diritto di immagine.
Mourinho e Ronaldo, che spesso hanno monopolizzato l’interesse della stampa sportiva per le prodezze compiute nel mondo del calcio, sono entrambi portoghesi ed hanno lo stesso agente che cura ne cura gli interessi, Jorge Mendes, anch’esso portoghese, che annovera tra i suoi clienti una vasta lista di calciatori e allenatori famosi. Jorge Mendes si è già premurato, attraverso un comunicato stampa di dichiarare come sia lo “Special One” sia “CR7” siano perfettamente in regola con il fisco sia in Inghilterra sia in Spagna. Questo il comunicato pubblicato dall’agenzia di Mendes e riportato nel sito “fcinter1908.it”: “C’è un documento che accusa direttamente o meno la Gestifute e i loro clienti di evasione fiscale progettata attraverso i paradisi fiscali. Le insinuazioni e le accuse più gravi che arrivano attraverso i messaggi di posta elettronica, sono rivolte a Mourinho e Cristiano Ronaldo. Dichiariamo che sia Ronaldo che Mourinho conoscono i loro obblighi nei confronti del fisco di Spagna e Regno Unito e mai finora sono stati coinvolti in eventuali procedimenti giudiziari relativi alla commissione di qualsiasi reato fiscale, qualsiasi insinuazione o accusa sarà denunciata ai tribunali. La nostra agenzia agisce con la massima professionalità sia nel caso dei clienti sia nel caso delle autorità dei Paesi nei quali opera. L’obiettivo dell’azienda è quello di fornire consulenza legale ai clienti in conformità alle norme di ogni Paese che sono tutte diverse tra di loro e quando ci sono stati disaccordi con le autorità sui criteri fiscali sono stati risolti mediante accordo senza mai ricorrere ai tribunali”.

Football Leaks: quali sono i club italiani coinvolti?

Il sito online “espresso.repubblica.it” riporta delle anticipazioni su quanto domani 4 dicembre sarà rivelato nella copia in edicola del settimanale “L’Espresso”. Queste alcune delle anticipazioni riportate sul sito: “A partire dal prossimo numero, in edicola da domenica 4 dicembre, l’Espresso rivelerà in una serie di articoli i risultati della lunga inchiesta condotta insieme agli altri giornali dell’EIC. Il racconto va a incrociare i grandi club europei, compresi alcuni italiani, come Juventus, Inter, Milan, Roma, Napoli, Torino. Descriveremo nei particolari le clausole segrete dei contratti di decine di calciatori, compresi alcuni grandi nomi che militano nel nostro campionato. E infine, seguendo le tracce del denaro, siamo riusciti ad alzare il velo sui risvolti finanziari, fin qui inediti, di alcuni clamorosi colpi di calciomercato”.
Ma la Roma non ci sta! Il sito “corriere.it/sport” riporta una dichiarazione della dirigenza giallorossa, finalizzata ad evitare qualunque suo coinvolgimento. Questo il testo della dichiarazione: “I pagamenti effettuati alle società controparti sono quelli previsti nei contratti sottoscritti sempre conformi alla normativa sportiva. Gli eventuali successivi trasferimenti di denaro effettuati dalle società controparti ad altre società non ci sono noti. Tra l’altro riteniamo anche che i trasferimenti di denaro dalle società controparti ad altre società non debbano essere neanche di nostro interesse”.
Nell’attesa che i fatti vengano fuori nella loro esattezza, per l’amore che ci lega al calcio, restiamo fiduciosi che tutte le società e le persone del cui coinvolgimento si parla dimostrino la loro completa estraneità alle vicende di “Football Leaks”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Buffon torna al Parma: accordo raggiunto e fascia da capitano pronta
Tags: