Il Carpi deve difendere la sua imbattibilità… a Trapani

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti Segui

Non solo il povero Serse Cosmi. Ieri il Trapani ha silurato anche il direttore generale Pasquale Sensibile, completando un lavoro quasi scientifico di azzeramento dei vertici tecnico-dirigenziali che arriva a poche ore dalla sfida casalinga con il Carpi nell’anticipo di domani sera. In attesa di trovare un sostituto (si fa il nome di Cristallini ex Torino e Vicenza), la società sta provando a fare una corsa contro il tempo per individuare e trovare il nuovo mister. Dopo il no di Gautieri, ieri sera è planato in terra sicula Roberto D’Aversa che sembra essere in pole position: se oggi allenatore e società trovassero l’accordo il presidente Morace potrebbe anche decidere di affidargli subito la prima squadra, ma visti i tempi estremamente ristretti, domani sera in panchina contro i biancorossi emiliani dovrebbe accomodarsi il vice di Cosmi, Valeriano Recchi, che dallo scorso lunedì guida gli allenamenti. Comunque vada con la storia dell’allenatore trapanese, per il Carpi quella di domani sarà la quarta sfida allo stadio Provinciale di Erice. Una partita che nello staff biancorosso farà soltanto affiorare ricordi dolci e positivi, visto che sul campo dei granata siciliani il Carpi è imbattuto e non ha mai subito neanche un gol. A settembre 2012 la squadra di Cioffi e Tacchini debuttò in campionato proprio vincendo per 1 a 0 a Trapani grazie al gol del marocchino Rachid Arma, una delle poche sconfitte di quel Trapani che con mister Boscaglia arrivò a conquistare la promozione, poi imitata nei playoff dal Carpi stesso. L’anno dopo in serie B fu Lorenzo Lollo con un bolide da fuori a regalare al Carpi di Vecchi la terza vittoria stagionale in trasferta sempre con lo stesso punteggio. Nel 2014-15 invece il match terminò a reti inviolate in un gelido venerdì sera di febbraio, quando i biancorossi di Fabrizio Castori infilarono un filotto di quattro 0-0 consecutivi, contraddistinto però dall’infortunio al ginocchio di Mbakogu che tenne fuori a lungo il forte attaccante nigeriano.
News dal campo. Niente da fare per Riccardo Gagliolo: anche ieri il difensore ha lavorato a parte e non sarà assolutamente recuperabile. In difesa possibile spostamento di Poli a sinistra, con Sabbione o Blanchard al centro. Per quanto riguarda il modulo prende corpo la conferma del 4-4-2 con Catellani al fianco di Lasagna.
E rimanendo in cadetteria, è durata solo tre mesi l’avventura di Giuseppe Sannino sulla panchina della Salernitana. A quindici giorni della sfida da ex con il Carpi, prevista per sabato 17 dicembre, ieri l’ex allenatore biancorosso si è dimesso dopo che era esplosa la contestazione della tifoseria per alcune sue frasi non particolarmente felici (“a Salerno non avete mai visto il vero calcio”) pronunciate la scorsa settimana. In pole per sostituirlo c’è l’ex canarino Alberto Bollini, che ha gia lavorato a lungo con il presidente degli amaranto campani Claudio Lotito nella Lazio.
Capitolo tifosi: viaggiando naturalmente in aereo saranno poco meno di un centinaio i supporter biancorossi che seguiranno il Carpi nella più lunga trasferta della serie B. Partiranno dal Marconi di Bologna i GDL (Guidati Dal Lambrusco) e i gruppi organizzati Bolliti, Panthers e Quelli del camper biancorosso, mentre da Bergamo decolleranno gli IrCarpi_980x571riducibili.

Leggi anche:  Portogallo, UFFICIALE il giocatore positivo al Covid-19, addio Europeo
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,