Squalifica Strootman, arrivata la decisione della Corte Sportiva d’appello. Festeggia la Roma

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Strootman

Squalifica Strootman, accolto il ricorso della Roma

E’ arrivata nel primo pomeriggio la sentenza della Corte Sportiva d’Appello sul ricorso presentato dalla Roma a seguito della squalifica per due turni comminata dal Giudice Sportivo al centrocampista olandese Kevin Strootman. La Roma può festeggiare.  Squalifica Strootman  – Infatti la Corte Sportiva d’Appello ha deciso di accogliere il ricorso presentato dalla società giallorossa ed ha annullato la squalifica di due turni  che era stata decisa in prima battuta dal Giudice Sportivo. Il centrocampista giallorosso potrà essere presente quindi sia lunedì contro il Milan sia nel match successivo contro la Juventus.

Il caso Strootman, ripercorriamo la vicenda

La sentenza della Corte d’Appello ovviamente non mancherà di sollevare ulteriori polemiche sulla vicenda. Subito dopo la fine dell’udienza il Direttore Generale della Roma Mauro Baldissoni si era espresso con fiducia sull’esito del ricorso.  ” Abbiamo espresso le nostre considerazioni e attendiamo fiduciosi. Riteniamo non ci fosse accesso alla prova tv per un caso del genere, c’è un’interpretazione un po’ estensiva e a noi queste estensioni della giustizia sportiva preoccupano sempre perché vanno a mettere in discussione la certezza delle regole e del diritto, presupposto fondamentale in una competizione sportiva”. Sempre Baldissoni stamattina aveva replicato alle dichiarazioni di Marotta di qualche giorno fa. ” Marotta ha detto che ho parlato da tifoso in merito a questo caso? Ha detto cose giuste perché sicuramente io sono un tifoso e anche abbastanza orgoglioso di esserlo. Ha anche detto che Gandini è serio, preparato e competente, e lo è assolutamente. Mi ha anche suggerito di confrontarmi con lui, ma in realtà già lo faccio tutti i giorni visto che lavoriamo insieme e pensavamo che questo Marotta lo sapesse. Detto questo è evidente che se parla Baldissoni o Gandini non c’è differenza perché è la Roma a parlare”.
Nella tesi difensiva presentata dalla Roma era stata  fatta emergere  la mancata correlazione tra l’espulsione di Cataldi e la presunta simulazione di Strootman. Dall’analisi delle immagini tv di quanto accaduto durante il derby di domenica scorsa emergono particolari importanti: i 4 decimi appena passati tra il momento della caduta dell’olandese e quello in cui si rialza, la sua maglia che al momento della strattonata si allunga di ben 35 centimetri e l’impossibilità, da parte di chi non era in campo, di poter stabilire con esatta certezza la forza della strattonata e soprattutto la presenza del quarto uomo che ha provveduto a dividere Cataldi e Strootman e  che determinerebbe l’impossibilità di poter applicare la prova tv.

Leggi anche:  Dove vedere Colombia-Venezuela, streaming e diretta tv in chiaro Copa America?
  •   
  •  
  •  
  •