Supercoppa Italiana, Milan senza aereo per Doha. Berlusconi provoca la Juventus

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Vigilia di Supercoppa Italiana avvelenata quella che stanno vivendo Juventus e Milan, tra aerei che non decollano e frasi piccate, il confronto biancorossonero non è mai una partita come le altre.

supercoppa italiana

Supercoppa Italiana, vigilia di veleni

E’ già la Supercoppa italiana dei veleni, la vigilia di Juventus-Milan, che si giocherà venerdì a Doha in Qatar, è caratterizzata da tante polemiche. La giornata di martedì è stata contraddistinta dalla mancata partenza per gli Emirati da parte del Milan, un problema tecnico al charter a rossonero ha rimandato il viaggio alle ore 15 di oggi. Furente Adriano Galliani, l’amministratore delegato rossonero ha parlato di ” danno sportivo gravissimo”, lo storico dirigente del Milan ha rincarato poi la dose all’Ansa:La Juventus è già tranquilla al caldo, domani si allenerà con venti gradi in più di quelli che ci sono a Milanello, mentre noi arriveremo di notte e là potremo fare solo la rifinitura della vigilia”. In una nota alla Lega Calcio il Milan ha anche minacciato di non partire per il Qatar se anche il volo previsto per oggi dovesse comportare problemi o ritardi di ogni sorta. Siamo contrariati per l’intoppo che però non dipende da noi. Non abbiamo voce in capitolo sull’organizzazione del viaggio” ha spiegato Marco Brunelli, direttore generale della Lega Calcio, in replica a quanto dichiarato da Galliani. Nella serata di mercoledì ad infiammare una vigilia già arroventata ci ha pensato il presidente del Milan Silvio Berlusconi. Come bisogna fare con la vecchia signora che vince sempre? Gli chiedono. Pronta la replica dell’ex premier che davanti ai giornalisti scherza: “Dobbiamo cambiare tutti gli arbitri di serie A e tutti i giudici…”. Una battuta, nulla più, ma che contribuirà a scaldare un Juventus-Milan che ha sempre meno di natalizio, Supercoppa Italiana, finale di Champions League o campionato il confronto biancorossonero non è mai una semplice partita di calcio.

Leggi anche:  Milan, Pioli: “Partita era equilibrata in 11 contro 11. Ibra-Lukaku? Non so cosa si siano detti...”

Supercoppa Italiana, Suso è pronto per la Juventus

In una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, parla Suso, la più grande rivelazione di questa prima parte di stagione del Milan di Montella. Arrivato nello scetticismo generale dal Liverpool, lo spagnolo ora è il faro dell’attacco rossonero:”All’inizio è stata dura, poi questa opportunità mi è stata data, grazie a Montella. Il mister è uno che non ha paura di rischiare, gestisce ottimamente il gruppo e dà opportunità a tutti. Personalmente mi ha sempre dato fiducia, con lui sto davvero bene. Il suo stile è come il mio stile, e la cosa mi agevola. Lui è uno che non ha paura di far giocare i giovani, cosa che per i tecnici è sempre abbastanza difficile. E’ bello guardarsi intorno e vedere compagni giovani, ma va detto che se lavori bene l’età è solo un numero e non si vede”. Suso parla poi del confronto per la Supercoppa Italiana contro la Juventus:Fino ad ora la Juve ha dimostrato di essere la più forte, ma in campionato abbiamo vinto noi. Averli sconfitti dà molta fiducia e anche qualche indicazione in più su come affrontarli. Ma se devo essere onesto, partono un po’ più favoriti, e io lo preferisco perché in questo modo noi saremo ancora più motivati e la pressione sarà su di loro. Noi, nonostante non si vinca da due partite, ma avendo giocato bene, paradossalmente arriviamo alla Supercoppa ancora più convinti e consapevoli della nostra forza”. Il cardellino Suso è pronto a volare, dopo il derby vuole stendere le ali anche contro la Juventus, coincidenze aeree permettendo.

  •   
  •  
  •  
  •