Mattia Perin dopo l’infortunio: “Sarà una passeggiata”. La scheda di un portiere generoso e combattente

Pubblicato il autore: Simone Segui

Mattia Perin
Mattia Perin
, portiere del Genoa e nato a Latina nel 1992 è uno degli estremi difensori più promettenti della Serie A vantando, per altro, già tantissime presenze nel massimo campionato italiano (110 presenze con la maglia del grifone).

Le prime parate Mattia Perin le ha eseguite con la Scuola Calcio Nuovo Latina Isonzo alla tenera età di cinque anni. Resta lì fino al compimento dei 13 anni quando passa ufficialmente nelle giovanili della Pistoiese nella quale resta per due stagioni dal 2006 al 2008. Nell’estate dello stesso anno viene notato dagli osservatori del Genoa. I dirigenti rossoblù, così, portano nella città della lanterna un giovanissimo Perin.

GENOA, PADOVA E PESCARA

Con il Genoa, Mattia Perin, dimostra di essere un fuoriclasse fin da subito ed ottiene il posto da titolare nella formazione della primavera con la quale vince il Campionato e la Supercoppa  Primavera al termine della stagione 2010. Trova spazio anche per l’esordio con la prima squadra in Serie A nella giornata del 22 maggio 2011 all’età di 18 anni contro il Cesena nell’ultima partita del campionato.

Leggi anche:  SKY o DAZN? Dove vedere Genoa Cagliari in tv e in streaming, Serie A 19° giornata

Nell’estate del 2011 passa in prestito per una stagione al Padova nella quale trova, dopo l’infortunio dell’ex Roma Pelizzoli, la titolarità nella seconda parte della stagione collezionando ben 25 presenze vincendo a fine stagione il Serie B Awards come miglior portiere della Serie B. Dopo la parentesi nella serie cadetta con i colori del Padova, viene trasferito, sempre con la modalità del prestito al Pescara. Nella neo promossa in Serie A Mattia trova un buonissimo rendimento e mette nel suo bottino personale ben 29 presenze stagionali dimostrandosi uno dei migliori portieri esordienti. La sua miglior partita è stata contro la Fiorentina di Vincenzo Montella. In quell’occasione Perin si è reso protagonista assoluto della partita con la bellezza di 15 parate tutte fondamentali per la vittoria finale del club abruzzese.

GENOA BIS

Terminato il prestito al Pescara torna al Genoa nell’agosto del 2013. Il club ligure stavolta punta tutto su di lui come titolare insostituibile assegnandogli anche la maglia numero 1. Stagione davvero molto importante, questa, per il giovanissimo portiere rossoblù che a fine campionato colleziona 39 presenze e indossa in alcune occasioni anche la fascia di capitano. È la stagione della svolta, o meglio, della conferma per il portiere titolare della nazionale Under 21.

Leggi anche:  Dove vedere Milan Atalanta, live streaming Serie A e diretta TV Sky o DAZN?

A termine della stagione 2014-2015 Perin viene premiato dall’Associazione Italiana Preparatori Portieri come miglior portiere della Serie A per la stagione precedente 2013-2014.

I seguenti campionati sono stati, invece, meno prolifici. Perin si infortuna prima alla spalla destra nel match contro la Juventus del marzo 2015 e poi – dopo un’altra ottima stagione da protagonista –  nell’aprile del 2016 si rompe il legamento crociato anteriore del ginocchio destro nel corso di uno scontro di gioco nel match contro il Sassuolo. Torna in campo quasi cinque dopo, a settembre, e riesce a raggiungere qualche match più tardi il traguardo delle 100 partite con la maglia del Genoa. Nel gennaio scorso, però, trova di nuovo la strada dell’infortunio. Stavolta a cedere è il crociato del ginocchio sinistro.

TORNARE PIU FORTE

Leggi anche:  Probabili formazioni Udinese-Inter: ecco le scelte di Gotti e Conte

Ora Mattia Perin, dopo l’operazione, sta percorrendo la strada della riabilitazione. Una lunghissima riabilitazione che come ammette lo stesso portiere lo farà tornare ancora più forte e determinato di prima. Di seguito le parole del numero uno rossoblù nell’intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport:

“Ogni infortunio ha una storia sua, non dico di poter tornare entro tre mesi ma metterò la stessa forza di volontà che ho messo nello stop precedente. Questo è sicuro. Ci sono cose più gravi nella vita, sarà una passeggiata di 3-4 mesi. Cercherò di fare il meglio possibile per tornare. Ringrazio tutti, è una cosa che mi dà tanta forza perché mi son fatto voler bene sia come ragazzo che come calciatore”.

  •   
  •  
  •  
  •