Milan, Montella: “Vogliamo bene a Niang”. Ocampos? “Non parlo di mercato”.

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui


Il Milan si rituffa in campionato dopo la sconfitta in coppa Italia patita allo Juventus Stadium. Il mister parla di Niang, di Deulofeu (che potrebbe esordire dal primo minuto), mentre non si esprime su Ocampos, che appare ogni ora più vicino ai rossoneri. L’Udinese di Del Neri non sarà facile da battere, anche perchè all’andata a San Siro, ha tirato un brutto scherzo all’allenatore campano
Su Niang: “Se riesci a capire un giocatore e i suoi bisogni puoi ottenere qualcosa in più. La mia aspirazione è riuscire a sbagliare meno possibile. Vogliamo bene a Niang, mi hanno fatto piacere le sue parole. Ha fatto il massimo per cercare cambiare la tendenza. Gli auguro ogni bene, può diventare una risorsa importante per il Milan tecnicamente o economicamente”.

Su domani: “Io gioco sempre per vincere e domani sarà lo stesso”.

Su Bacca: “Ogni giocatore ha le sue caratteristiche, non puoi stravolgerlo. Bacca ha preferito giocare negli spazi piuttosto che un gioco manovrato. Lo dobbiamo sfruttare per le sue caratteristiche, se gli facciamo fare qualcosa che non ha attitudine a fare, sarebbe una perdita di tempo”.

Leggi anche:  Spunta un'altra pretendente per Junior Firpo, concorrenza al Milan!

Su cos’è cambiato rispetto alla gara di andata con l’Udinese: “La squadra è cresciuta molto, ha qualche alto e basso, ma è molto più convinta, è più sicura, anche se può fare ancora di più”.

Su Donnarumma: “Non è assolutamente distratto, è molto sereno e deve continuare così. I social sono un modo di comunicare veloce, ma non sai chi scrive le cose. Va preso tutte con le giuste precauzioni”.

Sulla punizione di Pjanic: “Non credo che Gigio potesse fare di più. E’ stato bravo lui. Non si può attribuire un errore così a Gigio”.

Ancora su Deulofeu: “Fisicamente sta molto bene e ha grande voglia”.

Sulla gara con la Juve: “Sono stati bravi gli avversari a chiudere gli spazi, c’è stata grande qualità degli avversari. Ci siamo presi pochi rischi per metterli in difficoltà”.

Sul calo: “I risultati sono figli di tanti aspetti. A Roma poteva venire un risultato diverso, abbiamo giocato alla pari. L’Atalanta sta facendo molto bene, a Torino abbiamo pareggiato su un campo dove non so quanto squadre abbiano vinto. I numeri dicono molto, ma bisogna tenere conto anche altri aspetti”.

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

Su Ocampos: “Non parlo di mercato”.

Sull’Europa: “Dobbiamo fare il nostro percorso, senza fare la corsa solo sugli avversari. Dobbiamo migliorare su alcuni aspetti e consolidare quello che sta andando bene. Non dobbiamo lavorare solo sui difetti e dimenticarci i pregi. Ci vuole tempo, la prima fase è andata bene, ora andiamo alla fase 2”.

Su Deulofeu: “Sto valutando, ha possibilità di poter giocare anche dall’inizio. Siamo soddisfatti”.

Sulla gara di domani: “Il nostro campionato inizia domani perchè veniamo da qualche risultato difficile ma la squadra è cresciuta. Dobbiamo giocare per il risultato però la gara è pericolosa, dobbiamo essere perfetti pur non essendo spettacolari, dobbiamo essere maturi”.

Su Locatelli: “E’ migliorato tanto, a Torino ha fatto una grande partita per esempio. Stiamo parlando di un ragazzo, a volte sbagliano anche i 30enni. L’importante è andare avanti con serenità. Anche Gigio è sereno, capiterà che farà degli errori, ma deve stare tranquillo perchè sta facendo un ottimo campionato”.

Leggi anche:  Brooklyn Nets-Milwaukee Bucks: streaming e diretta tv? Dove vedere gara 7

Su Locatelli e Donnarumma: “E’ un momento cruciale per la loro carriera, devono imparare ad assorbire le critiche anche se non sono giuste. Questo fa parte del calcio, non devono farsi minare la loro serenità”.

Sulle false partenze: “Le ultime due partite non le abbiamo iniziato così male, ma abbiamo pagato la capacità degli avversari”.

Su Deulofeu: “E’ sempre stato visto come un predestinato. Bisogna capire perchè non è ancora esploso nonostante sia un giocatore importante. Il mio lavoro sarà quello di farlo rendere al massimo”.

Sulla partita di domani: “Non siamo come prima della trasferta con la Samp, però a termine di risultato sì. L’Udinese non ti lascia giocare, è brava nelle ripartenze, arriva da qualche risultato negativo immeritato e quindi giocheranno per ottenere un risultato positivo. Ci vuole una grande prestazione per vincere”.

  •   
  •  
  •  
  •