Pallavolo, Final Four: ecco le 4 possibili vincitrici

Pubblicato il autore: Simone Satragno Segui

Il grande weekend della Final Four della Coppa Italia 2016/17 di pallavolo maschile è ormai giunto. Ci aspetta un fine settimana intenso e spettacolare che assegnerà il prestigioso trofeo, il secondo della stagione dopo la Supercoppa assegnata in autunno. Alla Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bologna) quattro formazioni si affronteranno per alzare al cielo la Coppa Nazionale, attualmente nelle mani di Modena che ha vinto le ultime due edizioni. Il palazzetto emiliano è già sold out da settimane. Civitanova, Trento, Modena, Piacenza: chi festeggerà domenica sera? La Lube sta dominando la regular season, i Campioni d’Italia non hanno mai sbagliato un big match stagionale, i vicecampioni d’Europa stanno brillando, gli emiliani sono la grande outsider dopo aver eliminato Perugia nei quarti di finale. Ecco nel dettaglio le quattro formazioni, le loro ambizioni, i loro sestetti titolari: tutto quello che c’è da sapere sulla Coppa Italia di volley maschile.

Civitanova

  • Coppa Italia vinte: 4 (2001, 2003, 2008, 2009)
  • Ultima Final Four: 2016 (semifinale persa contro Trento)
  • Nella Coppa Italia 2017: eliminata Vibo Valentia ai quarti di finale

Civitanova arriva all’appuntamento da prima della SuperLega, leader del campionato con +6 punti su Trento e Perugia. La Lube cerca però un successo che manca dallo scudetto del 2014, provando ad alzare al cielo la Coppa Italia dopo un digiuno che dura da 8 anni. I marchigiani nelle ultime stagioni hanno steccato gli appuntamenti decisivi e a Bologna cercheranno di piazzare la vittoria decisiva. Blengini cerca il suo primo titolo da allenatore, dopo le tre semifinali perse nella scorsa stagione e l’argento conquistato con la Nazionale alle Olimpiadi di Rio 2016. Si ritroverà di fronte Piacenza, squadra da battere a tutti i costi per tornare a lottare in finale. Il gioco dei marchigiani è concreto, punta su un gioco offensivo di grande qualità e una ricezione precisa. L’opposto Sokolov e lo schiacciatore Juantorena dovranno essere gli uomini di spicco. Il carisma della Pantera e le bordate del bulgaro, in grande stato di forma, tenteteranno di piegare gli avversari coadiuvati dalla regia di Micah Christenson. Al centro Enrico Cester/Davide Candellaro e Dragan Stankovic, Jiri Kovar dovrebbe essere l’altro martello ma uno dei punti di forza di Civitanova è proprio la lunga panchina in cui figurano Cebulj, Kaliberda, Grebennikov. L’imbarazzo della scelta per Blengini che deve spronare i suoi verso la vittoria.

Leggi anche:  Udinese, Lasagna pronto alla cessione con il Verona

Trento

  • Coppa Italia vinte: 3 (2010, 2012, 2013)
  • Ultima Final Four: 2016 (finale persa contro Modena)
  • Nella Coppa Italia 2017: eliminata Monza ai quarti di finale

Trento vive la Coppa Italia come se fosse un incubo dopo le ultime due Finali consecutive perse contro Modena. Stavolta i vicecampioni d’Europa si troveranno di fronte i Canarini in semifinale, pronti a riscattare i ko delle ultime due annate. I dolomitici stanno disputando una stagione al di sopra delle aspettative, sono secondi in campionato e si presentano a Bologna convinti di poter dire la loro. Mister Lorenzetti ha vinto le ultime due Coppa Italia proprio alla guida degli emiliani che si ritroverà di fronte in uno dei grandi derby del weekend. Ha già messo la propria mano su questa Trento che gioca una pallavolo veloce, concentrata, approfittando di una squadra unita e concreta. Il Presidente Mosca proverà a riprendersi quel trofeo che manca dal 2013 per tornare al successo dopo lo scudetto di due anni fa. I bianchi si affidano molto alla classe di Giannelli, palleggiatore pronto a creare gioco per gli schiacciatori Lanza e Urnaut. È proprio il capitano a dare sicurezza con la sua ricezione affiancato da Colaci. Nelle ultime settimane Trento ha tratto grande vantaggio dal rientro di Stokr, complice l’infortunio di Nelli: sarà l’opposto ceco a giocare da titolare anche in Coppa Italia? Qualche piccolo dubbio al centro: Mazzone è rientrato, Van De Voorde è in forma, Solé ha avuto qualche fastidio fisico la settimana passata.

Leggi anche:  Roma, Fonseca vicino all'esonero, salvo fino al prossimo errore

Modena

  • Coppa Italia vinte: 12 (1979, 1980, 1985, 1986, 1988, 1989, 1994, 1995, 1997, 1998, 2015, 2016)
  • Ultima Final Four: 2016 (vittoria della Coppa Italia)
  • Nella Coppa Italia 2017: eliminata Sora ai quarti di finale

Modena ha vinto le ultime due edizioni della Coppa Italia, battendo due volte Trento in Finale. Stavolta, però, i Campioni d’Italia non si presentano con i favori del pronostico e servirà una prestazione perfetta per difendere il titolo che sarebbeil primo tris consecutivo per gli emiliani, il club più vincente della storia della competizione con ben 12 trofei. I Canarini, in questa stagione, han sempre faticato con le piccole, lasciando diversi punti mentre con le grandi hanno fatto faville, vincendo tutti i big match giocati finora, compresi quelli che hanno permesso loro di vincere la Supercoppa. In semifinale si troveranno subito di fronte Trento nella rivincita delle due ultime due Finali: Modena sembra partire favorita ma il pragmatismo dei dolomitici non va sottovalutato. I ragazzi di coach Piazza puntano molto sul servizio e sull’estro delle individualità, hanno delle difficoltà in palleggio e in ricezione che cercano di colmare con la loro concretezza. La stella è Ngapeth, schiacciatore capace di colpi impossibili e che è solito caricarsi nei big match. Spicca anche l’opposto Vettori, poco appariscente ma molto cinico. La diga centrale composta da Holt e Le Roux, con Piano a disposizione, è una delle migliori al mondo. Il sestetto titolare è completato dal palleggiatore Orduna, dal capitano Petric e dal libero Rossini.

Leggi anche:  Juventus - Napoli 2-0 le Pagelle: Cuadrado dominante, Ronaldo da record. Insigne stecca

Piacenza

  • Coppa Italia vinte: 1 (2014)
  • Ultima Final Four: 2014 (vittoria della Coppa Italia)
  • Nella Coppa Italia 2017: eliminata Molfetta agli ottavi di finale, eliminata Perugia ai quarti di finale

Dopo tre anni Piacenza torna a giocare per la Final Four e l’ultimo precedente è un bel ricordo: nel 2014 i biancorossi conquistarono l’unica Coppa Italia della loro storia. I ragazzi di Giuliani tornano tra le quattro grandi dopo aver realizzato un’impresa eccezionale nei quarti di finale sconfiggendo la favoritissima Perugia trascinata da Zaytsev e Atanasijevic: sotto 2-0 gli emiliani hanno piazzato un incredibile rimonta che è valsa la sfida con Civitanova. Giuliani si ritroverà così di fronte il suo passato, che condusse allo scudetto e la sua formazione sogna l’ennesimo sgambetto a una big: da autentica outsider, in una partita secca, possono davvero battere chiunque anche se in campionato hanno steccato nei big match. Piacenza punta molto sul suo gioco offensivo, garantito dai centroamericani: il palleggiatore Hierrezuelo, l’opposto Hernandez e lo schiacciatore Marshall (se recupererà in tempo). Parodi sta provando a recuperare e lo schiacciatore Clevenot è la rivelazione dell’anno.

  •   
  •  
  •  
  •