Post partita Pescara-Sassuolo, Di Francesco: “Bravi a saper soffrire”

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Dopo lo stop in Coppa Italia per opera del Cesena, il Sassuolo rialza la testa contro il Pescara.
I ragazzi di Eusebio Di Francesco vincono 3-1 contro la formazione di Massimo Oddo. Sono di Matri (doppietta) e Pellegrini le reti decisive, anche se è inutile in gol del momentaneo pareggio messo a segno da Bahebeck. Nella ripresa anche Consigli diventa uno dei protagonisti del match, parando un rigore a Biraghi. Con questa vittoria i neroverdi si portano così a 24 punti in classifica e nel prossimo turno affronteranno la Juventus in casa.

Nel post partita di Pescara-Sassuolo, ai microfoni di Sky Sport, Eusebio Di Francesco ha parlato della gara e di Rigopiano:

Su quanto accaduto a Rigopiano –
“Il mio cuore è sicuramente legato a quello che è accaduto qui vicino: mia cognata, casualmente, era lì una settimana fa e mi dispiace sapere che ancora qualcuno è disperso. Sono veramente vicino a chi in questo momento vive la sofferenza e il lutto. Cannavaro ha detto che si poteva non giocare? Condivido pienamente, noi ci adeguiamo alle scelte di altri, ma non giocare sarebbe stata la cosa giusta”.

Leggi anche:  Amichevole, Sampdoria-Piacenza: streaming gratis e diretta tv in chiaro?

Sulla partita – “Oggi siamo partiti molto bene. Nel secondo tempo siamo andati in sofferenza e abbiamo preso quindi un gol.
In altre gare abbiamo preso un gol dietro l’altro, oggi non è accaduto perché siamo stati in partita e abbiamo saputo soffrire in alcuni momenti; mi sembra che abbiamo dimostrato di avere qualcosina in più come squadra e come idee. Penso sia una vittoria meritata, volevo una prova di maturità e l’ho avuta. Matri? Da quando è arrivato è cresciuto tantissimo. Ora attacca la porta e la differenza si vede.
Il secondo gol? Lui ha detto di avere tirato e questi colpi in effetti li ha”.

Sul legame con Pescara –
“Sono molto legato al Pescara, ha aggiunto, ma faccio questo lavoro da tempo e sono un professionista.
Credo che i biancazzurri non debbano mollare e non devono perdere un po’ di spensieratezza, anche se non è facile in momenti così perché è quella che ha portato belle prestazioni ma magari pochi risultati. Loro sono molto cresciuti rispetto all’andata: mi auguro che questa squadra lotti fino alla fine. Tornare a Pescara un giorno? Facciamo un referendum, vediamo se la gente è contenta… Il mio futuro da allenatore per ora è lontano da qui, ma chissà…”

Mercato –
“Pellegrini è un giocatore veramente interessante, noi lo abbiamo preso che era nella primavera della Roma. Lui deve essere un po’ più concreto e ci sta lavorando. Stasera l’ho messo dietro la punta e la sua interpretazione mi è piaciuta TANTISSIMO e diventerà un calciatore fortissimo. Defrel e Acerbi influenzati dal mercato? Io faccio l’ allenatore e non mi vorrei privare di nessuno, ma c’è anche la società. Nelle trattative non ci sono mai entrato e non ci voglio entrare. Gregoire non è aiutato da tutte queste voci, e lui è per noi molto importante. Poi quello che deciderà la società, ben venga”.

Leggi anche:  Nedved: "Ronaldo resta con noi, presto parleremo con Dybala"

Secondo vittoria dietrofila per la squadra di Di Francesco che arriva a totalizzare ben 24 punti in campionato. Ora testa alla gara di domenica prossima al Mapei Stadium contro la Juventus di Massimiliano Allegri. E chissà che anche lì non succeda un miracolo…

  •   
  •  
  •  
  •