Verso Roma-Sampdoria, Spalletti: “Siamo ossessionati dalla voglia di vincere”

Pubblicato il autore: giammarco bellotti Segui

Luciano Spalletti

CONFERENZA PRE ROMA-SAMPDORIA

Nella conferenza stampa della vigilia della sfida di Coppa Italia contro la Sampdoria Luciano Spalletti ha dichiarato: “E’ una partita difficile – aggiunge il tecnico toscano – dove loro metteranno intensità. Bisognerà essere forti e disponibili alla corsa. La Sampdoria è stata apprezzata da tutti per essere una delle squadre che gioca il miglior calcio. Il suo allenatore è un grandissimo amico. Giampaolo lo conoscono tutti, è una persona che si sa far apprezzare. Gli erano stati messi dei dubbi sulla sua qualità, ma penso che sia fuor di dubbio che sia un allenatore da grande squadra”

L’allenatore giallorosso ha parlato della probabili formazione nella sfida di Coppa Italia contro la Sampdoria: Alisson gioca perché se lo merita. Fa vedere di essere nelle condizione di poterci assicurare il livello di Szczesny. Mario Rui si sta allenando a buoni livelli. Qualche sostituzione la voglio fare in partita. All’inizio o dopo, sarà sicuramente della partita. Mario Rui sa fare benissimo il ruolo di Emerson”. La sorpresa rispetto alle indicazioni del tecnico è il recupero di Juan Jesus che si è allenato con il gruppo.

L’ex allenatore dello Zenit poi, ha preso le difese di Dzeko, dopo averlo definito “molle” nel post partita di Udine: “Sul fatto che io l’abbia stuzzicato qualche volte è vero, ma criticato mai. Lui c’è rimasto un po’ sorpreso. C’è chi fa il tifo per noi, chi fa il tifo per gli altri. Poi viene fuori il titolo. Noi ci conosciamo molto, non solo con lui ma con tutta la squadra. Abbiamo un contatto bellissimo con tutta la squadra. Si parla sempre per concetti da realizzare in generale. Qual è la chiave di accesso? Non accontentarsi. Dzeko ha giocato delle partite splendide un paio di volte. Se si analizza la partita, ha fatto una buonissima gara anche a Udine. Poi ha sbagliato quelle due occasioni e si va a guardare quelle. Ma il tentativo è quello di richiamare la squadra a non accontentarsi. Dzeko è un calciatore magnifico, splendido, divino. Voglio vedere se qualcuno fa il titolo. ‘Dzeko giocatore divino’, vediamo”.

IL MERCATO DELLA ROMA

Leggi anche:  Dove vedere Milan Atalanta, live streaming Serie A e diretta TV Sky o DAZN?

Il tecnico giallorosso ha chiarito cosa chiede alla società nel mercato invernale: “Servono giocatori che danno subito il rendimento, che è dentro l’esasperazione del nostro calcio e la mentalità della squadra. questo fa la differenza. Musonda, si dice che l’ho bocciato… Io non ho bocciato nessuno, sarà uno dei più forti ma in questo momento non gioca. Lo porti via da una nazione all’altra, non c’è il tempo materiale… Conte parla in maniera stratosferica di Musonda, dice che sarà uno dei più forti. La società sta cercando questo profilo qui, dal centrocampo in su, ma ci vuole un giocatore pronto, uno a cui puoi far fare un tempo determinante. Noi non possiamo perdere un secondo in più, per niente. Se perdi 2 punti, la Juve va a +6 e per riguadagnare quei 2 punti… Dopo Torino abbiamo perso un’occasione e forse un po’ di fiducia, ma perdi veramente se smetti di provarci. E per riprendere loro 3 punti ci abbiamo messo 4 partite”.

Spalletti ha parlato anche dell’attaccante del Sassuolo Defrel, chiudendo le porte di un suo arrivo a gennaio: “Non si cerca un apprendista ma un professionista. Mi sembra che il direttore del Sassuolo abbia detto che non sia stato chiesto. Defrel è un gran calciatore, ma non sono io quello che deve fare dei nomi. C’è Massara e poi c’è il presidente che è quello che deve tirare fuori i soldi. Si fa un ragionamento, se si riesce a trovare bene se no rimaniamo così. Stiamo cercando un calciatore, perché poi siamo a posto. E del mio contratto non se ne parla più fino a fine anno”.

  •   
  •  
  •  
  •