Antonio Magrì e Antonio Calabro, la coppia del miracolo Virtus Francavilla

Pubblicato il autore: Emiliano Di Presa Segui


All’inizio forse neanche loro potevano immaginare di raggiungere questi traguardi, ma sicuramente sin dall’inizio del loro rapporto Antonio Magrì e Antonio Calabro avevano le idee ben chiare in mente. Quando nell’estate del 2014 il presidente della neonata Virtus Francavilla calcio, decise di affidare la panchina a questo giovane allenatore leccese non si immaginava una scalata di questa portata. Vittoria del campionato dell’Eccellenza Pugliese, Coppa Regionale e Coppa Italia Nazionale Dilettanti. L’anno successivo vittoria del campionato in Serie D e la promozione in Lega Pro, traguardo mai raggiunto nella storia della città degli Imperiali.

Antonio Magrì e Antonio Calabro, la coppia del miracolo Virtus Francavilla- Antonio Calabro è sicuramente un predestinato. Dopo una dignitosa carriera sui prati dell’allora serie C, il suo cammino in panchina è davvero straordinario. Al primo anno da allenatore, il campionato vinto con il Gallipoli per poi sposare la causa Virtus Francavilla. Due promozioni consecutive e il quinto posto attuale in Lega Pro davvero straordinario. Eppure il cammino di Antonio Calabro e la sua Virtus Francavilla non è stato tutto rose e fiori. Soprattutto all’inizio di questa stagione dove sono arrivate quattro sconfitte consecutive. Ma, proprio in quel momento la società ha dimostrato di credere fermamente nel proprio allenatore e cosi il presidente Magrì ha mantenuto la fiducia nel tecnico e nei giocatori, la maggior parte rimasti dopo la cavalcata in serie D e le soddisfazioni sono arrivate. Fa scalpore soprattutto la striscia di sette vittorie consecutive in casa, in questo piccolo stadio, il Giovanni Paolo II al quale sono state apportate modifiche in tempo di record proprio per permettere alla squadra di giocare il campionato di Lega pro. Gli ultimi risultati, come conferma la storica vittoria sul campo del Matera, dimostrano che la squadra, magistralmente allenata da Calabro, si è ormai calata nella realtà della categoria e scende sempre in campo, anche in trasferta, per portare a casa la vittoria. Una mentalità vincente quella della Virtus Francavilla che rispecchia a pieno il suo allenatore destinato sicuramente a palcoscenici ben più prestigiosi. Infatti, il tecnico salentino sta attirando su di se parecchi riflettori e per lui potrebbero aprirsi le porte delle categorie superiori sempre che non decida di continuare la scalata con il miracolo Virtus Francavilla.
Antonio Magri e Antonio Calabro, la coppia del miracolo Virtus Francavilla – Intanto la società brindisina programma il futuro. E’ ormai noto che la destinazione del calciatore che più si è messo in mostra in questo campionato, M’bala N’Zola, sarà a tinte viola. Con la Fiorentina che ha bruciato la concorrenza aggiudicandosi il calciatore. Da ora in poi però l’asticella si alzerà sempre di più per questa squadra supportata da una città che vive di calcio e per la sua Virtus Francavilla. Da risolvere inoltre la questione stadio, dove ormai da qualche tempo si lavora per cercare di rendere idoneo l’impianto per la prossima stagione di Lega Pro. In questo senso anche l’amministrazione comunale di Francavilla Fontana si sta impegnando affinché vengano rispettati i tempi e non si rovini questo magnifico giocattolo, chiamato Virtus Francavilla, che sta facendo sognare una città intera.

Leggi anche:  Prva Liga croata: Dinamo Zagabria-Fiume 0-2

  •   
  •  
  •  
  •