Auguri Donnarumma! Il portiere del futuro che strega nel presente. E il Milan lancia l’hashtag

Pubblicato il autore: Fabio Sala Segui

124 giorni. Tanti ne sono passati da quando Gianluigi Donnarumma ha esordito in Serie A appena sedicenne. Per la precisione, in quel Milan-Sassuolo del 25 Ottobre 2015 (vinto 2-1 dai rossoneri grazie alle reti di Bacca e Luiz Adriano che hanno annullato il gol di Berardi) aveva 16 anni e 8 mesi esatti. Oggi, alla vigilia di un altro Sassuolo-Milan, compie 18 anni. Diventa maggiorenne e può firmare il suo primo vero contratto da professionista. E a proposito del contratto, ci sarà molto da discutere con Mino Raiola, il suo agente: perchè è noto l’interesse della Juve, è noto che il Milan vuole blindarlo, ma è anche noto che davanti a offerte scandalose non si può resistere.

IL MILAN LANCIA L’HASHTAG #GIGIO18 – Siccome del doman non v’è certezza, come scriveva Lorenzo de’ Medici nella “Canzona di Bacco”, e non si può sapere se rimarrà al Milan o no, meglio concentrarsi sul presente e godersi questo traguardo. Cosa cambierà in Donnarumma ora che è maggiorenne? Probabilmente nulla, solo un numero. Intanto il Milan ha lanciato l’hashtag ufficiale per augurare buon compleanno al portierone rossonero: #GIGIO18.
Tutti i tifosi rossoneri si augurano che rimanga al Milan a vita. Che sia ciò che un altro Gianluigi, Buffon, è stato per la Juventus. Solo sulla sponda rossonera e non bianconera. Gli italiani sanno perfettamente che sarà il futuro della Nazionale (tra l’altro il portiere più giovane ad esordire con la maglia Azzurra a 17 anni e 6 mesi). Da Gigi a Gigio non cambia molto. Ed è un po’ anche la nostra speranza, di noi tifosi della Nazionale di calcio, che non cambi molto, perchè le prodezze che Buffon ha fatto con la maglia Azzurra sono nei nostri cuori, al di là che si tifi Juventus, Milan, Inter ecc.
Nel frattempo lui non fa parlare molto di sè fuori dal campo, ma, come dovrebbero fare tutti i professionisti, fa parlare IL campo. Con delle parate veramente decisive e prodigiose. Su Khedira in campionato a tempo praticamente scaduto per salvare l’1-0, su Dybala a Doha nella lotteria dei rigori, su Krejcì a Bologna sullo 0-0 che poi valse i 3 punti, contro la Lazio all’Olimpico. E tantissime altre che probabilmente non ricordiamo neanche da tante sono state.I numeri parlano per lui. Non diventi il più giovane esordiente in Serie A e in Nazionale perchè sei “fortunato”: questo è tutto merito suo, del suo lavoro, della sua dedizione e di chi l’ha scovato. Sperando che il suo procuratore lavori davvero solo per il suo bene e non per arricchirsi, noi ci uniamo a tutti negli auguri a questo piccolo grande portiere, che piccolo più non è. Tanti auguri Donnarumma! il portiere del futuro che strega nel presente…

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Eriksen, l'agente racconta: "Christian non molla"