I capricci di Tevez, vuole già lasciare la Cina

Pubblicato il autore: Veronica Sgaramella Segui

Tevez
Sono trascorsi appena 54 giorni dal suo arrivo tra le fila dello Shanghai Shenhua, eppure Carlos Tevez vuole già lasciare la Cina. Stando a quella che sembra essere una vera e propria indiscrezione-bomba, lanciata dai media argentini e rilanciata in particolar modo dal quotidiano Olé, “l’operachon retorno” è più che fattibile. Tevez, desideroso di poter fornire nuovamente il proprio contributo al Boca Juniors, il club che fra tutti ha significato di più nella carriera del giocatore sudamericano, potrebbe dunque salutare ben presto lo Shangai Shenhua. E pensare che attualmente l’ex Juve, Manchester City, Manchester United, West Ham e Corinthians, risulta il giocatore più pagato al mondo.

L’Apache è invero passato proprio dal Boca Juniors al club cinese per uno stipendio netto stagionale pari a ben 38 milioni di euro. I soldi però paradossalmente -in questo caso più che mai- sembrano non bastare. Tevez magari non è riuscito ad ambientarsi nell’inquinata metropoli, forse culturalmente troppo lontana dalla sua terra argentina. O magari ciò che manca all’attaccante è il calore de La Bombonera. L’Estadio Alberto José Armando, i tifosi del Boca e il livello qualitativo del calcio giocato nella Primera Divisòn, non sono certo paragonabili a quelli dello Shangai Shenhua, anche considerando la struttura relativamente moderna dello Hongkou Stadium.

Leggi anche:  Moggi sicuro: "Ecco chi vincerà lo scudetto. Ora il Napoli è più forte della Juventus. Sarri è un traditore..."

Le principali cause indicate per il malessere di Tevez in Cina in realtà, sarebbero da individuare nel cattivo rapporto con Poyet e appunto, nella difficoltà nell’adattarsi al nuovo stile di vita cinese. Per verificare se effettivamente quella di Tevez in Cina si trasformerà in una clamorosa toccata e fuga, ci sarà da aspettare, anche se nel frattempo il tecnico Poyet ha smentito simili voci. Ma l’aspetto veramente importante da tenere in considerazione è la clausola relativa all’acquisto dell’argentino: per il riscatto del suo cartellino devono essere sborsati 6,5 milioni di euro.

  •   
  •  
  •  
  •