I 9 + 1 numeri di maglia tra i più curiosi di sempre

Pubblicato il autore: Giovanni Romagnoli Segui

numeri di maglia curiosiDalla targa della propria città, a simpatiche assonanze col proprio nome, i calciatori ci hanno abituati a stravaganti scelte per i loro numeri di maglia

I più giovani probabilmente non lo ricorderanno, se non perché gli è stato raccontato o perchè amanti del calcio che fu, ma fino ad una ventina di anni fa (per la precisione fino alla stagione 1995-1996) i numeri di maglia andavano dall’1 all’11, il secondo portiere aveva rigorosamente il 12, e il numero dei titolari corrispondeva nella stragrande maggioranza dei casi, diciamo anche sempre, al ruolo che ricoprivano in campo.

Ed ecco, a titolo esemplificativo, quella che poteva essere una formazione tipo:
1 portiere
2 terzino destro
3 terzino sinistro
4 mediano
5 stopper
6 libero
7 ala destra
8 mezz’ala destra
9 centravanti
10 mezz’ala sinistra
11 ala sinistra

Poi qualcosa è cambiato, non solo nella disposizione tattica dei giocatori, ma sopratutto nella loro esposizione mediatica. E si perchè le magliette sono diventate sempre più oggetti da vendere e se oltre ad essere marchiate con il logo della Società hanno anche il nome del calciatore, allora assumono tutto un altro valore. Ed ecco allora che le maglie iniziarono ad avere i nomi dei calciatori che la indossavano, ai quali venne anche fatto scegliere un numero da 1 a 99 che poi avrebbero avuto per tutta la stagione.

Leggi anche:  Le prime dichiarazioni su Instagram di Christian Eriksen

Qualcuno mantenne i classici numeri, tradizionalmente identificativi del loro ruolo, altri scelsero una numerazione più stravagante.

Questi i 9 + 1 numeri di maglia tra i più curiosi.

0 Hicham Zerouali: nomen omen per l’attaccante marocchino che si era evidentemente ispirato al suo nome nella scelta di indossare la maglia numero 0.

1 Edgar Davids: l’ex juventino nel finale di carriera scelse la maglia numero 1, tipicamente riservata ai portieri, nella sua avventura al Barnet. Quasi in omaggio, ha fatto la stessa scelta De Guzman del Chievo.

14 Marco Fortin: simpatica e sotto certi aspetti geniale trovata di Fortin o se preferite Fourteen che gioca col suo nome e la numerazione in inglese.

44 (Fabio) Gatti: per capirla non crediamo ci sia bisogno che ci mettiamo a cantare la canzone dello Zecchino d’Oro.. simpatica e geniale anche la scelta dell’ex perugino.

Leggi anche:  Sky, DAZN, Eleven Sports? Dove vedere Copa America 2021 in tv e in streaming, 47^ edizione Brasile

45 Mario Balotelli: 4 + 5 fa 9, il numero che avrebbe voluto, e poi col 45 segnò in quattro partite in prima squadra con l’inter. Balotelli ha così pensato che il numero 45 era un pò come un suo amuleto. Al Nizza però non gli è stato concesso (non sono permessi numeri “stravaganti”) così è tornato al “suo” 9 e forse, visti i risultati, tutta questa fortuna il 45 non gliel’ha portata dato che ora segna con maggiore continuità.

54 Hakan Şükür: scelgo questa maglia perchè mi ricorda la mia città, dichiarò nell’estate del 2000 quando arrivò all’Inter. Il 54 corrispondeva infatti alla targa automobilistica della sua città, Sakarya.

69 Bixente Lizarazu: quando sei nato nel ’69, sei alto 1,69 cm e pesi 69 chilogrammi, se le regole te lo permettono, scegliere il 69 è la cosa più logica da fare, e così ha fatto. Stessa scelta per Meggiorini del Chievo, anche se il motivo è perchè è un gran tifosi di Nicky Hayden.

Leggi anche:  Le prime dichiarazioni su Instagram di Christian Eriksen

74 Mohamed Salah: arrivato alla Fiorentina nel 2015, l’attaccante egiziano scelse il 74 in memoria delle vittime negli scontri allo stadio di Port Said (Egitto, del 2012) che furono appunto 74. Oggi alla Roma indossa l’11.

88 (poi 77) Gigi Buffon: travolto dalle polemiche perchè l’88 secondo la critica era il numero che per i nazisti significava “Heil Hitler”, quando in realtà Buffon dichiarò che voleva solo simboleggiare non due ma ben quattro attributi (dato che non gli era stato permesso di indossare lo 00), l’attuale portiere della Juve, all’epoca al Parma, decise così di cambiare scegliendo il 77.

Ve ne avevamo promesse 9 + 1, e allora prendiamo spunto proprio da un calciatore che voleva indossare la “sua” 9 ma era già occupata. La fantasia ha così portato Ivan Zamorano ad inventarsi la 1+8 sulle spalle della maglia nerazzurra dell’Inter.

  •   
  •  
  •  
  •