Juventus-Empoli: la squadra di Allegri vuole sfruttare il turno favorevole

Pubblicato il autore: valerio vitali Segui


Juventus-Empoli potrebbe risultare una gara decisiva per l’allungo dei bianconeri su Roma e Napoli, impegnate rispettivamente contro Inter ed Atalanta

La partita di questa sera mette a confronto due squadre che stanno ottenendo risultati diametralmente opposti, come naturale che sia. Da una parte la Juventus, che ha la miglior difesa della Serie A, dall’altra l’Empoli, che ha il peggiore attacco del campionato.
A dare maggiore credito a questo dato statistico va sottolineato anche che i toscani, nelle ultime otto gare contro la “Vecchia Signora” ha fatto un solo gol, lo scorso anno al Castellani (match conclusosi 1-3 per la Juventus).
Questo non sarà certo un vantaggio psicologico per gli ospiti, che d’altro canto sanno che non è questo tipo di gare che deve portargli i tre punti pieni.
Inoltre, nelle ultime dieci sfide tra Juve ed Empoli, i bianconeri sono riusciti a mantenere sempre la loro inviolabilità casalinga.

Leggi anche:  Quanto bello è l'Hellas Verona, sorpresa del campionato

IL TURNOVER DI ALLEGRI – Max Allegri farà ruotare molto i suoi uomini in vista del match di questa sera. Secondo indiscrezioni dovrebbero essere infatti 7/11 gli uomini che dovrebbero cambiare rispetto alla partita sìdi Champions League disputata mercoledì contro il Porto.

Neto
al posto di Buffon e uno fra Rugani e Benatia al centro della difesa, col rientrante Bonucci a completare la coppia di difesa centrale. A sinistra un Asamoah ritrovato che avrà il compito di far rifiatare Alex Sandro (possibilmente giocando ad ottimi livelli come contro Lazio e Palermo).

In mediana invece dovrebbe esserci spazio per uno tra Rincon e Sturaro, con Marchisio praticamente certo di un posto da titolare, come dichiarato dal tecnico in conferenza stampa ieri.

Davanti è ancora in forse una maglia da titolare per Pjaca, l’uomo che ha messo in discesa la qualificazione ai quarti di finale di Champions.

Leggi anche:  Gol più veloci della storia Serie A, Lozano agguanta il podio: ma comanda Leao

HIGUAIN E MANDZUKIC BESTIE NERE – Da quando il “Pipita” è arrivato in Italia ha già segnato ben quattro gol all’Empoli e considerando che anche per questa stagione l’attaccante argentino da tutta l’impressione di non volere abbassare la sua media realizzativa, sarà uno spauracchio decisamente duro da affrontare per la difesa empolese.
Per quanto riguarda invece l’ariete croato, ha segnato in entrambi i match contro l’Empoli la scorsa stagione, segnando la rete decisiva proprio allo Stadium quasi dodici mesi fa e anche lui come Higuain sarà al 99% titolare dal primo minuto.

L’IMPORTANZA DEI TRE PUNTI – Come recita il detto della Juventus “vincere non è importante ma è l’unica cosa che conta” quella di stasera è una partita obbligatoriamente da portare a casa, anche per 1-0 come avvenuto l’anno scorso.
Vincere stasera metterebbe un’enorme pressione non tanto al Napoli, impegnato già alle ore 18 al San Paolo contro l’Atalanta, ma nei riguardi della Roma, che sarà impegnata nella difficile trasferta di Milano contro un’Inter decisamente in grande spolvero e che potrebbe togliere qualche punto ai giallorossi, aumentando d fatto il gap proprio contro la capolista Juventus.
Andare eventualmente a +9 o a +10 dai capitolini rappresenterebbe un grande passo in avanti verso la conquista del sesto Scudetto consecutivo, nonostante le due trasferte proprio a Roma e a Napoli, con una Champions “dei grandi” ancora da affrontare come si deve.

  •   
  •  
  •  
  •