Milan, il closing si avvicina. Luca Pagni: “I cinesi sono pronti a versare i 320 milioni”

Pubblicato il autore: Simone Segui


Dopo mesi e mesi di attesa e di perplessità si sta muovendo qualcosa per quanto riguarda la vicenda societaria del Milan con la parte cinese della Sino Europe Sports che dovrebbe, insieme alle altre imprese all’interno della compagnia, rilevare le quote del club rossonero di Silvio Berlusconi. Da quanto si legge sulle pagine del sito internet legato ai colori del Milan (Milannews.it), Luca Pagni, giornalista di Repubblica ed esperto in economia e finanza ha espresso la propria opinione su questa trattativa lunga e complessa.

Luca Pagni ha dichiarato:

La Sino Europe Sports ha preparato la struttura finanziaria per pagare i 320 milioni restanti (entro il 3 marzo, data del closing) anche se non dovessero arrivare le autorizzazioni. Ho avuto conferma di questo proprio ieri. Fino alla fine loro attendono la possibilità di avere questi permessi per poter esportare capitali fuori dalla Cina e investire all’estero. La scadenza del 3 marzo, però, è molto precisa e entrambi le parti vogliono chiuderla dovendola rispettare. Per questo motivo stanno attivando un’altra possibilità, ovvero utilizzare dei fondi che si trovano già all’esterno della Cina come hanno già fatto per la seconda tranche di 100 milioni. Possono essere capitali provenienti da Hong Kong, off-shore o magari anche da banche che partecipano all’operazione. Hanno architettato tutta la struttura societaria, hanno tutto pronto. Nel caso in cui arrivano i fondi autorizzati dalla Cina usano quelli, in caso contrario hanno già pronto una seconda alternativa. Non ho elementi che possano far pensare a un’ulteriore rinvio“.

Leggi anche:  Coppa Italia e Supercoppa femminile: come saranno quest'anno?

Cosa può dirci di Huarong, nome uscito da qualche settimana?
Si è detto più volte che faccia addirittura parte di Sino Europe Sports, ma bisognerebbe poi capire in che percentuali e quanti soldi metterebbe eventualmente nel fondo. Questo verrà svelato solo una volta che ci sarà il closing. Huarong è sicuramente della partita, poi se sia semplicemente il garante di SES o che li abbia finanziati con fondi all’esterno della Cina non è ancora dato a sapersi. Anche l’Inter sia con Thohir che con Suning ha fatto lo stesso tipo di percorso“.

Il problema delle autorizzazioni mancanti è già stato riscontrato in altre trattative per l’acquisto di un club?
Sì il Southampton è in una situazione analoga, accordi già firmati ma si aspettano queste autorizzazioni. Questa restrizione degli investimenti esteri c’è, è molto forte e trascende il calcio. Ho parlato per lavoro anche con banchieri che fanno di operazioni di altro tipo in altri settore e hanno gli stessi problemi nel mancato arrivo di autorizzazioni nonostante le trattative siano già concluse. Basta leggere giornali di finanza anglosassoni“.

Leggi anche:  Europei: Raspadori: "Studio anatomia e gioco alla play"

Le risulta di un ulteriore spostamento della data del closing? Oltre il 3 marzo?
Non ho avuto notizie in tale merito. Mi dicono che stanno dando rassicurazioni a Fininvest e anche ad altri consulenti che stanno lavorando al dossier che è tutto pronto e sono pronti. Forse è più possibile un anticipo della chiusura della trattativa anziché il contrario, ma non domani ovviamente, ci vorrà ancora tempo. Anche se fosse anticipata al 20 di febbraio cambia poco, anche perchè loro vogliono aspettare fino all’ultimo per vedere se arrivano le autorizzazioni.

I tifosi del Milan (come di moltissime altre squadre) sono già pronti ad imparare il cinese, la nuova lingua universale del calcio moderno.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: