Napoli – Genoa. I partenopei superano i rossoblù grazie a Zelinski e Giaccherini. Le dichiarazioni nel postpartita

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

Non si ferma più il Napoli di Maurizio Sarri. I partenopei superano anche il Genoa e salgono momentaneamente a -7 dalla ‘Vecchia Signora’

Continua il duello a distanza fra Juventus e Napoli. I partenopei, orfani di Callejon, superano il Genoa per 2-0 e si portano a -6 dai bianconeri. Decisive le reti di Zelinski e Giaccherini, entrambe arrivate nella ripresa. Ancora una volta, colpisce il cinismo in zona goal degli uomini di Sarri. Contratti nella prima frazione di gioco, più convincenti nella ripresa, fino a costringere il grifone ad abbassare il proprio baricentro. Ottima la prova dell’ex centrocampista dell’Empoli, bravo a sfruttare un rinvio sbagliato della retroguardia genoana. Strepitoso, invece, il match disputato da Mertens. Il belga, pur non trovando la via del goal, è stato padrone indiscusso della fascia sinistra, servendo, peraltro, il pallone del raddoppio a Giaccherini. Proprio l’ex felsineo, rispolverato per la già citata assenza di Callejon, è riuscito a non far rimpiangere lo spagnolo. Meno convincente, invece, la prova di Pavoletti, apparso ancora come un corpo estraneo. Viceversa, momento da dimenticare per il Genoa di Juric. Nelle ultime 8 partite di Campionato, solo il Pescara ha portato a casa meno punti. Proprio gli adriatici saranno il prossimo avversario dei rossoblù. Napoli, invece, con la testa già al delicato match di Champions con il Real Madrid.

Leggi anche:  Milan, Ibrahimovic si difende: “Non sono un razzista”

DICHIARAZIONI

Maurizio Sarri: “Loro sono partiti fortissimo, ma era prevedibile che la loro pressione sarebbe calata. Nella ripresa abbiamo giocato da squadra vera, creando tanto e non concedendo niente. Questa gara la considero come un passo in avanti. Giocarsela alla pari con il Real è dura da dire, noi siamo in due competizioni ad eliminazione diretta in una abbiamo pescato i campioni del mondo ed in un’altra i campioni d’Italia. La squadra sta bene, ora da mercoledì saremo se siamo pronti per giocare queste gare. Io il Real non ho ancora iniziato a studiarlo, ha dei campioni di livello mondiale. Serve un pizzico di timore, che ci da attenzione, ed un pizzico di sfrontatezza in alcune fasi della partita“.

Emanuele Giacchierini“Il Genoa è una squadra difficile da affrontare, perché giocano a tutto campo uno contro uno. Sapevamo sarebbe stata dura, nella ripresa l’abbiamo sbloccata e poi con il due a zero abbiamo controllato la gara. Ora c’è questa sfida al Real Madrid, è una gara bellissima che tutti vorrebbero giocare. Da domani penseremo a preparare questa sfida, loro sono la squadra più forte al mondo, lo dicono i numeri. Hanno vinto 10 Coppe dei Campioni, ma andremo lì per giocarcela. Speriamo di poter regalare tante gioie ai nostri tifosi”.

Leggi anche:  Napoli, esame per Gattuso: vietato fallire in Coppa Italia

Ivan Juric: “La squadra ha fatto molto bene nei primi 30’, abbiamo concesso poco nel primo tempo. Nella ripresa non siamo riusciti più a giocare e con loro se ti difendi soltanto subisci. La perdita di Veloso sicuramente ci ha tolto la possibilità di sviluppare quel gioco che poteva mettere in difficoltà il Napoli. I ragazzi lavorano bene nelle ultime settimane, sto vedendo la squadra nel modo giusto. Il primo tempo mi da grande fiducia, dispiace aver perso per infortunio due giocatori fondamentali per noi. Nei momenti difficili bisogna stare vicini alla squadra, gennaio è stato un periodo difficile ma adesso stiamo lavorando molto bene. Le prossime partite sono decisive per noi. Rivoluzione di gennaio? Serve tempo per integrare i nuovi, perché devi anche giocare le agre, non è come in estate che hai tempo di lavorare. Abbiamo bisogno di lavorare insieme, sono sicuro che ne usciremo insieme. Quando non fai punti perdi un po’ di sicurezza, è normale“. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,