Palermo Atalanta, Gasperini: “Vogliamo l’Europa League”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

Al Barbera Palermo Atalanta finisce 3 a 1 a favore della squadra di Gasperini che ormai non si nasconde più. 45 punti in 24 giornate di campionato, quinto posto in classifica a pari merito con l’Inter, squadra sempre più forte, affamata di risultati e con un unico obiettivo: arrivare in Europa League come dichiarato da Gasperini a Sky Sport al termine della partita Palermo Atalanta:

“Ce la giochiamo. Mancano ancora tante partite e tutte le squadre in lotta con noi sono qualificate e forti. E’ passato un girone dalla gara di andata contro il Palermo e abbiamo fatto quarantadue punti in diciannove partite: non sono numeri casuali. Dopo la gara contro il Crotone ci saranno gli scontri diretti e per lottare per traguardi così importanti bisogna fare qualche impresa”

Palermo Atalanta, non era una partita semplice vista la difficile situazione di classifica dei siciliani sempre più con un piede e mezzo in serie B. Gasperini ha capito il valore della partita, ha preteso il massimo dalla squadra non ammettendo cali di concentrazione visto il pessimo campionato dei rosa nero con i tanti cambi in panchina. Gasperini inoltre ha sconfitto la sua ex squadra che nel 2013 non gli ha permesso di lavorare al meglio. Zamparini optò per l’esonero dell’ex tecnico del Genoa. Palermo Atalanta, ecco quanto analizzato da Gasperini a Sky Sport sulla partita:

“Queste tipo di partite sono imprevedibili. Abbiamo dominato a lungo, ma anche sprecato molto ed il Palermo è stato vivo fino all’ultimo. Non è stata una gara facile come il risultato potrebbe far pensare: vincere contro una squadra motivata come quella rosanero non era semplice. Atteggiamento da grande? Giochiamo con fiducia e serenità, è soprattutto una forza per impostare il gioco da dietro. E questo in trasferta ci aiuta molto, ad esempio per spezzare l’entusiasmo degli avversari. Oggi sullo 0-2 abbiamo rallentato, ma senza produrre e finivamo per rimanere fermi. Poi nella ripresa siamo stati nuovamente bravi e abbiamo chiuso la partita”

Nonostante la pesante assenza di Gagliardini a centrocampo, ceduto a gennaio all’Inter, Gasperini ha trovato una
squadra forte ugualmente e rinforzata da Cristante oggi andato a segno poco dopo il suo ingresso in campo:

“Con la partenza di Gagliardini abbiamo puntato su un calciatore che, come Petagna e lo stesso Gagliardini, era un po’ finito fuori dai radar. Sono contento per il suo gol”

Tornado sull’Europa League Gasperini ha ammesso che la mancanza della Coppa Italia e dell’Europa in questa stagione possa agevolare l‘Atalanta ad raggiungere un risultato inaspettato a inizio stagione, ma anche storico:

“Sì, soprattutto a livello di infortuni: quando si giocano tante partite, c’è questo rischio. Anche se in verità le coppe interessano Napoli, Roma e Juventus, che non sono nostre rivali”

A Radio Rai Gasperini però ha ammesso l’importanza che aveva Gagliardini all’Atalanta e non solo. Il tecnico però ha messo in luce due giocatori chiave per il futuro ed il ritorno del giovane Kessie in mezzo al campo:

Gagliardini è importante per noi, ma la cosa peggiore è che è diventato importante anche nell’Inter! In questo momento abbiamo una situazione di giocatori consolidata, con Kessie che è tornato e lo stesso Cristante. Lo abbiamo sostituito così.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Novità per la Supercoppa Italiana: verrà utilizzata per la prima volta in Europa. Ecco i dettagli