Sampdoria Cassano, furia del barese contro Giampaolo e Ferrero: “Senza palle”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Sampdoria Cassano, fine burrascosa

Si è chiusa in maniera burrascosa l’avventura di Antonio Cassano alla Sampdoria. Ai margini della prima squadra da inizio stagione  e con la rescissione del contratto arrivata lo scorso fine gennaio oggi FantAntonio ha detto “addio” anche alla Primavera blucerchiata, squadra con la quale si allenava da qualche mese dopo essere stato messo fuori rosa dalla dirigenza della Sampdoria. Il permesso di allenarsi con la squadra di Ciccio Pedone scadeva proprio oggi e la società guidata dal presidente Ferrero ha deciso di non rinnovare l’autorizzazione a scendere in campo con i ragazzi della Primavera. Un diniego arrivato il giorno dopo del rifiuto di Antonio Cassano di trasferirsi alla Virtus Entella, società che per parecchie settimane ha corteggiato l’ex del Real Madrid. La reazione di Cassano alla decisione della Sampdoria non si è fatta attendere ed è arrivata tramite il profilo Twitter ufficiale della moglie Carolina Marcialis. Parole durissime quelle scritte da Cassano che ha rivolto dure accuse anche al tecnico della Sampdoria Giampaolo.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: per il dopo Eriksen c'è Calhanoglu

“Dopo una sceneggiatura degna di Oscar, con regia Ferrero/Romeo/Giampaolo, oggi pomeriggio, in assenza di palle, hanno pensato bene di comunicarmi tramite Carlo Osti che domani non potrò più allenarmi con i ragazzi della Primavera della Sampdoria…motivazione?! Troppo ingombrante!. Quindi si chiude definitivamente il “capitolo Sampdoria”  e ci tenevo a ringraziare solo poche persone tra cui Ciccio Pedone e tutto il suo staff per avermi dato la possibilità di allenarmi con loro.E poi ringrazio tutti i ragazzi della Primavera che mi hanno fatto emozionare , dimostrandomi affetto e stima. Continuerò ad allenarmi perchè so che posso dare ancora tanto al calcio

  •   
  •  
  •  
  •