Sassuolo, Peluso: “Vogliamo riprenderci la parte sinistra della classifica”

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti Segui


E’ con crescente consapevolezza e con il morale giusto che il Sassuolo si prepara ad affrontare il Chievo, ed è con le certezze giuste che Peluso racconta il momento della compagine neroverde, tra lavoro quotidiano che ha ripreso i suoi ritmi, giocatori che rientrano e condizione che cresce, anche dal punto di vista mentale.
Stiamo ritrovando la continuità che serve: a parte la gara con la Juventus, un pari e cinque vittorie in queste prime cinque partite dell’anno – afferma Federico Pelusodicono che la nostra possiamo ancora dirla, domenica dopo domenica“. Ieri i test Mapei sul campo sintetico di Fiorano, oggi un allenamento mattutino che potrebbe togliere le perplessità sul recupero di Defrel, unico dubbio che affligge l’allenatore Eusebio Di Francesco.

L’obiettivo a breve termine è quello di confezionare un altro sorpasso ai danni dei clivensi dopo avere archiviato quello sul Genoa, mentre sul medio termine “vogliamo riprenderci la parte sinistra della classifica, anche se per i punti ottenuti sul campo ci saremmo già.” (Peluso qui si riferisce al 3-0 a tavolino a favore del Pescara, ndr). E sul lungo termine? “Più punti possibili” è la risposta del giocatore del Sassuolo, forse non originalissima ma in grado di tradire tuttavia una certa voglia di stupire che, a quanto pare, la formazione emiliana non ha ancora messo da parte. “Stiamo ritrovando il lavoro settimanale – prosegue Peluso – e con quello la nostra capacità di fare gioco, il rientro di giocatori importanti ha contribuito non meno che un elemento esperto come Aquilani e l’Europa League, che ci siamo goduti ma ci ha anche tolto energie, adesso non c’è più“.

Leggi anche:  Calcio femminile a Tokyo 2020: chi saranno le campionesse olimpiche?

Quindi si punta tutto sul campionato, godendosi la ritrovata compattezza espressa nei due soli gol (“La Juve – dice il difensore – la consideriamo una parentesi”) subiti in quattro gare e soprattutto “la ritrovata forza mentale che a Genova ci ha permesso di venire a capo di una sfida non facile, che forse in altri periodi della stagione non avremmo vinto. Ma – aggiunge il laterale neroverde – non sottovaluterei nemmeno quanto abbiamo fatto contro squadre come Pescara e Palermo: si giocavano entrambe tanto e vincere, in un campionato complesso come la serie A, non è mai semplice né scontato.

Sassuolo, Peluso presenta la sfida con il Chievo 

Figuriamoci con il Chievo, squadra tradizionalmente ostica per i neroverdi soprattutto al Mapei Stadium di Reggio Emilia (una vittoria e soltanto due gol segnati ai veronesi in tre gare) nonché avversario, secondo Peluso, “costruito su una grande solidità difensiva. Il Chievo – avverte il giocatore – riesce molto spesso a non far giocare bene chi incontra, ma noi dobbiamo preparare questa partita pensando soprattutto a quanto saremo in grado di esprimere, consapevoli che adesso stiamo attraversando un buon momento e che vogliamo continuare a risalire“. Il Sassuolo, in sintesi, non si accontenta, e vuole continuare per l’appunto la sua marcia di avvicinamento alla parte sinistra della classifica, posizione che senz’altro merita per i valori espressi sul terreno di gioco in queste prime partite del 2017. Il lavoro di Eusebio Di Francesco e della sua squadra non è ancora terminato.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: