Taranto-Foggia 2-0, Stroppa: “Mi prendo le responsabilità di questa sconfitta”

Pubblicato il autore: Francesco Ippolito Segui

Giovanni Stroppa nella sala stampa dello Iacovone


Il tecnico del Foggia Giovanni Stroppa si è presentato nella sala stampa dell’Erasmo Iacovone al termine della sconfitta con il Taranto per 2-0. L’allenatore rossonero, molto rammaricato per la sconfitta, ha ammesso le sue responsabilità, sebbene secondo lui il nervosismo l’ha fatta da padrone: “Con tutto il rispetto per il Taranto, siamo stati poco bravi nel palleggio e più andava avanti la partita più ci siamo innervositi. Abbiamo dimenticato alcuni aspetti, ma credo che il nervosismo l’abbia fatta da padrone. Mi dispiace perché la partita sembrava preparata al meglio, come al solito”.

Stroppa continua: “Nel momento in cui mettiamo l’atteggiamento giusto in campo siamo sereni e molte volte capita di portare il risultato dalla nostra parte attraverso un certo ritmo della partita. Oggi è mancato il ritmo, ci siamo innervositi e non abbiamo giocato come al solito. Questo è un peccato per la posizione in classifica e tutto il percorso fatto fino ad oggi”.

Più che una sconfitta è stato un incidente di percorso, definito però come la prestazione più brutta della stagione: “Questa partita mi fa male, mi prendo tutte le responsabilità di questa prestazione: sta a me ridare entusiasmo, capacità. Lo considero un incidente di percorso perché credo sia stata la prestazione più brutta della stagione, soprattutto in questo momento. Questa è la prima volta dove ho notato un certo nervosismo, una sensazione di difficoltà. Per questo mi prendo le responsabilità, probabilmente non ho toccato i tasti giusti perchè questa squadra potesse entrare in campo concentrata. Questa partita è stata preparata come al solito, ma vorrei rivederla, vorrei parlare coi ragazzi per capire dove e come migliorare. Ripeto: mi assumo la responsabilità e mi assumo la responsabilità di dire che vedo molti demeriti miei”.

E sull’episodio sul finire della gara, dove Stroppa ha abbandonato anzitempo la gara: “Sono stato male. Ho chiesto scusa a Ciullo perchè volevo salutarlo alla fine della partita, ho chiesto il permesso all’assistente e sono andato negli spogliatoi”.

Il tabellino

Reti: 14’ st Magnaghi, 38’ st De Giorgi.

Leggi anche:  L'Inter riscopre Eriksen: Conte vuole blindarlo

Taranto: Maurantonio, De Giorgi, Pambianchi, Paolucci, Magnaghi (40’ st Cobelli), Altobello, Lo Sicco, Maiorano, Viola (29’ st Potenza), Guadalupi (36’ st Pirrone), Magri. A disposizione: Pizzaleo, Sampietro, De Salve, Russo, Benedetti, Emmausso, Di Nicola, Contini, Cecconello. Allenatore: Salvatore Ciullo.

Foggia: Guarna, Vacca, Loiacono, Chiricò (13’st Di Piazza), Sarno, Martinelli, Agazzi, Deli, Mazzeo, Rubin (1’st Gerbo). A disposizione: Tucci, Figliomeni, Agnelli, Maza, Sicurella, Dinielli, Pompilio, Sanchez, Martino, Pertosa. Allenatore: Giovanni Stroppa.

Arbitro: Francesco Guccini di Albano Laziale. Assistenti: Mangino e Santoro di Roma 2

Note: Spettatori 4127. Trasferta vietata alla tifoseria ospite.

Ammoniti: Chiricò (F).

Recupero: 1’ pt, 3′ st.

La classifica della Lega Pro – Girone C

Ecco la classifica aggiornata di Lega Pro, al termine della venticinquesima giornata (aspettando il derby calabrese Cosenza-Reggina). Il Lecce comanda solitario, seguono Foggia e Matera.

Leggi anche:  Davide Nicola, la nuova salvezza passa per Torino

1. Lecce, p. 52
2. Foggia, p. 50
3. Matera, p. 49
4. Juve Stabia, p. 45
5. Virtus Francavilla, p. 42
6. Cosenza, p. 37
7. Andria BAT, p. 37
8. Catania, p. 35
9. Fondi, p. 35
10. Casertana, p. 33
11. Siracusa, p. 32
12. Monopoli, p 29
13. Paganese, p. 27
14.  Messina, p. 27
15. Taranto, p. 24
16. Akragas, p. 24
17. Reggina, p. 22
18. Catanzaro, p. 21
19. Vibonese, p. 19
20. Melfi, p. 17

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: