Walter Veltroni possibile nuovo presidente della Lega di Serie A

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui
Walter Veltroni

Walter Veltroni con Totti e Nesta 

Walter Veltroni è in pole position per la presidenza della Lega Serie A. Stando a quanto riporta oggi il quotidiano La Repubblica, l’ex Vice Premier ed ex Sindaco di Roma, è il candidato, o almeno uno dei nomi, proposto all’assemblea che dovrà presto eleggere il sostituto di Maurizio Beretta. Tredici società (le medio-piccole) avrebbero già espresso il loro apprezzamento per Walter Veltroni: manca ancora il sì di Juventus, Roma, Napoli, Inter, Milan, Lazio e Fiorentina.

Basterebbe, sottolinea Repubblica, un solo voto a favore (Inter e Roma sembrano favorevoli) e ci sarebbe già il quorum necessario per l’elezione. Veltroni avrebbe posto due condizioni pregiudiziali: massima condivisione dei presidenti e uno statuto che garantisca il cambiamento. Se le società si ritroveranno intorno a questa scelta, poi dovranno convincere Walter Veltroni ad accettare la sfida, affiancandolo con un manager esperto di diritti televisivi e condividendo un modello di governance della Lega che assicuri autonomia e indipendenza ai suoi organi.Un vertice per decidere su Walter Veltroni

Leggi anche:  Per l'esterno è lotta a due Inter-Juventus

Nel pomeriggio, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa AdnKronos si è tenuta una riunione di 14 club di serie A in vista dell’assemblea che dovrà eleggere il nuovo presidente. All’incontro erano presenti tutte le società medio-piccole più il presidente della Lazio, Claudio Lotito. All’appello mancavano quindi solo Juventus, Roma, Napoli, Inter, Fiorentina e Milan.

Al termine dell’incontro, sul quale non sono ancora trapelate posizioni ufficiali il Presidente del Palermo Maurizio Zamparini (da molti indicato come king maker dell’operazione) ha rilasciato all’AGI questa dichiarazione. “Non vedo mai bene i politici nel calcio. Certo, se viene a fare politica di settore e poi gli mettono accanto un amministratore delegato che fa impresa, allora ok. Ci vuole infatti qualcuno che ne capisca. La Lega non è la politica ed è bene che i politici stiano fuori la gestione. Veltroni è una persona perbene, non ho niente contro di lui e la penserei così qualunque candidatura di uomo politico fosse prospettata. Solo se accanto gli metteranno una sorta di amministratore delegato un ticket con uno CEO (Chief executive officer) dotato di un forte mandato. Come nelle banche dove c’è un presidente che non ha potere effettivo, ma poi c’è un manager che fa economia e amministrazione“.

Leggi anche:  Italia-Galles: quella volta che...i precedenti

Molto più variegate le reazioni del mondo politico, dal quale il candidato in pectore della Lega Serie A, Walter Veltroni, proviene, anche se, finora si è trattato solo di tweet (l’#Veltroni e fra i 10 trend topic), post su facebook e dichiarazioni a margine di eventi.

Walter Veltroni: tutto vero ma non ho ancora deciso

Arriva nel frattempo, attraverso una nota ufficiale, anche la posizione dell’Ex Sindaco di Roma  “Corrisponde al vero, e ne sono onorato, che sia stato consultato circa l’ipotesi, allo stato solo tale, della presidenza della Lega calcio. Non è invece assolutamente vero che abbia dato la mia disponibilità. Mi sono riservato di rifletterci su, per le implicazioni che una scelta di questo genere avrebbe sulla vita che ho scelto di vivere da qualche anno a questa parte. Nelle prossime ore, per quanto mi riguarda, dirò la mia opinione. Tutto qui“.

  •   
  •  
  •  
  •