Closing Milan, avanti a piccoli passi. Versata altra “caparra” della terza caparra. E non è una barzelletta….

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Closing Milan, realtà o finzione?

Se non fosse per l’importanza che riveste la trattativa per il futuro della gloriosa società rossonera l’infinita storia del closing Milan potrebbe tranquillamente trasformarsi in una simpatica barzelletta. Gli ingredienti, d’altronde, ci sono tutti: i cinesi, l’anziano italiano super ricco, caparre, caparrine ed accordi economici più o meno attendibili….Per sfortuna dei tifosi rossoneri tutti questi elementi, però, non compongono il copione di una barzelletta ma sono i fattori che dovranno decidere le sorti del Milan. L’infinita storia del closing Milan, ieri, si è arricchita di una nuova pagina: i cinesi hanno versato altri 30 milioni, dei 100 previsti per la terza caparra, dopo i 20 fatti arrivare nelle casse Fininvest nei giorni scorsi. Una mossa ritenuta dai vertici della Fininvest sufficiente per concedere l’ulteriore proroga del closing, adesso previsto entro la metà del prossimo mese di aprile. I cinesi avrebbero offerto alla holding della famiglia Berlusconi anche garanzie per gli altri 50 milioni rimanenti per giungere alla quota di 100 milioni di euro della terza caparra. Come già detto, se non fosse un argomento serio anche quest’ultima mossa sarebbe da annoverare tra i colpi di scena di una simpatica barzelletta. Ve li immaginate un numero imprecisato di cinesi ( visto che neppure si conosce l’identità ed il numero dei componenti di questa fantomatica cordata…) che vanno cercando in Cina soldi per soddisfare le richieste dell’italiano anziano super ricco che vuole vendere un pezzo della sua storia personale e familiare????
Quanto sta accadendo al Milan è veramente paradossale. Fininvest ha accettato la proroga del closing Milan pur testando sulla propria pelle ( ….proprie casse…) le difficoltà della cordata cinese nel trovare i fondi per versare la terza caparra facendo credere a tutti i tifosi rossoneri che questi stessi cinesi entro il 14 aprile prossimo dovrebbero versare ben 270 milioni di euro per completare l’acquisto della società. Uno scenario, questo, che personalmente non ritengo realistico. Se i cinesi avessero avuto disponibilità economica al punto da essere considerati interlocutori attendibili di questa infinita trattativa per quale motivo non hanno già chiuso l’affare ed acquisito il Milan? Non regge neppure la storia del blocco degli investimenti all’estero imposto dal Governo cinese: i soldi, comunque, stanno uscendo dal paese asiatico…..
E’ anche vero che, dando una lettura “positiva” alla vicenda, non avrebbe senso continuare a sborsare caparre se poi non si dovrà chiudere l’affare. Sarebbe una scelta “masochista” da parte degli investitori cinesi dietro la quale si potrebbero anche, però, nascondere altri tipi di valutazioni…. Ai tifosi rossoneri non rimane altro da fare che aspettare. D’altra parte, a forza di caparre di caparre, il 14 aprile non è poi così lontano….

Leggi anche:  Inter, Conte: “Bisognerà fare una grande prova di squadra”
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: