Genoa, Mandorlini: “Non si può stare tranquilli”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

Giorni di preparazione in casa Genoa in vista dell’Atalanta. Mandorlini, al sito ufficiale del Grifone, ha fatto il punto della situazione e nonostante il buon margine dalla zona retrocessione, l’ex tecnico del Verona mette in guardia la squadra:

“Abbiamo il massimo delle motivazioni per cercare domenica quella vittoria che in casa manca da parecchio, sapendo che il compito sarà molto complicato. Lo dice la classifica. Finché la matematica non garantisce certezze, non si può stare tranquilli. Ci sono ancora diverse partite da disputare e molti punti in gioco. La sosta è caduta bene, nonostante le assenze dei nazionali, come per le altre squadre e quelle degli infortunati. Abbiamo voglia di ricominciare”

Il Genoa si è ritrovato oggi a Pegli per preparare la partita dopo alcuni giorni di riposo concessi. Sono rientrati i nazionali under 21 Biraschi e Cataldi, mentre saranno attesi nelle prossime ore gli altri nazionali: Pandev, Laxalt ed Hiljemark sono impegnati ancora con le rispettive nazionali. Per domani è atteso anche il rientro del portiere Zima.
Al Ferraris sarà una partita particolare, non solo per l’avversario inaspettatamente in lotta per un posto in Europa League e che, Inter a parte, ha messo in difficoltà qualsiasi squadra e vinto al San Paolo contro il Napoli. Tornerà Gasperini, questa volta da avversario, in una piazza dove il tecnico piemontese ha fatto benissimo ottenendo grandissimi risultati nel corso degli anni. I dissapori con Preziosi e la dirigenza hanno portato poi alla separazione con il tecnico, ancora amato dalla maggioranza dei tifosi rossoblù. Mandorlini, ha analizzato nel dettaglio la partita contro gli orobici. Una partita difficile sulla carta dato lo straordinario momento di Gomez e compagni. Il calendario del Genoa non sarà anche dei più facili: Atalanta, Udinese, poi Lazio e Juventus. Mandorlini ha preferito analizzare una partita alla volta, concentrandosi sulla sfida del Ferraris alle ore 15.00, un match dove continuerà la contestazione dei tifosi verso Preziosi:

“Domenica andiamo a misurarci con l’Atalanta che è la vera rivelazione di questa stagione. Ha ottimi giocatori, vive sull’entusiasmo e sta raccogliendo i frutti di un grande lavoro”

Sarà una gara da ex anche per Mandorlini: il tecnico romagnolo è stato mister degli orobici nella stagione 2003 2004 collezionando grandi risultati. Mandorlini aveva infatti portato nella massima serie la squadra bergamasca, venendo però poi esonerato nel dicembre 2004 dopo alcuni risultati negativi. Il mister del Genoa ha così commentato la sua parentesi all’Atalanta:

“Ho dei bei ricordi di tutto il tempo trascorso a Bergamo, soprattutto dell’anno della promozione in cui riuscimmo a fare una serie record di risultati consecutivi. Lanciai alcuni giovani del settore giovanile alla ribalta del campionato di Serie B”

Mandorlini infine si è concentrato sulla stagione decisamente negativa del Genoa mettendo in luce le stagioni scorse in cui il Grifone era stato avanti in classifica e non solo:

“Nel calcio si va a periodi. Negli ultimi anni il Genoa spesso era stato davanti. Quando le cose girano meno bene, la ricetta è ripartire e metterci ancora più convinzione per perseguire gli obiettivi. Le stagioni meno positive, paradossalmente, presuppongono e producono delle opportunità”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan-Atalanta, ci sarà l'ex Kjaer sabato contro i nerazzurri? La situazione
Tags: