Juve, caso Andrea Agnelli partito dall’interno?

Pubblicato il autore: Emiliano Di Presa Segui


Se la Juventus è tornata sul tetto d’Italia e tra le regine d’Europa dopo i fatti di “Calciopoli” il merito è principalmente di una persona, Andrea Agnelli. L’attuale presidente della Juve, raccolse i cocci di una squadra arrivata per due anni consecutivi al settimo posto in campionato e ha costruito un gioiello invidiato da tutti. Proprio l’invidia sarebbe uno dei motivi delle ultime voci di un cambio alla guida dei bianconeri. Tutte le ultime notizie riguardanti la presunta collusione di Andrea Agnelli con alcuni esponenti di gruppi malavitosi, inoltre potrebbero essere uno degli appigli a cui chi avrebbe intenzione di cambiare la guida della Juve potrebbe attaccarsi. Che tra John Elkann e l’attuale presidente della Juve ci siano delle diatribe che vanno avanti da tempo questo è ormai noto, ma perchè John dovrebbe volere questo cambio al timone, sfiduciando il cugino, proprio in questo momento che la società Juve è avviata ad anni di prosperità economica e sportiva? Se davvero cosi fosse, si faccia avanti John Elkann e chiarisca la situazione perchè i milioni di tifosi Juventini vogliono sapere. La storia di Andrea Agnelli presidente della Juventus è piena di successi sportivi e societari. Uno su tutti lo stadio, tanto ambito e tanto voluto in altre città. Lo Juventus Stadium è il fiore all’occhiello del calcio italiano e della Juventus e sicuramente è stato un fattore fondamentale per i successi conseguiti in questi anni. I risultati sportivi sono sotto l’occhio di tutti, 5 Scudetti; 2 Coppa Italia; 3 Supercoppa Italiana e una finale di Champions disputata ma persa. Un percorso quasi perfetto unito ad un miglioramento costante del fatturato e una costante diminuzione del debito societario, lo sbarco sul mercato mondiale del nuovo marchio Juventus e il progetto Continassa ben avviato. Una società ormai all’avanguardia quella guidata da Andrea Agnelli diventata punto di riferimento per tutti in Italia, anche se nessuno lo ammetterà mai, vista la dilagante anti-juventinità. Inoltre la Juve, grazie al suo presidente è tornata a dire la sua anche in Europa sedendosi al tavolo delle grandi, come testimoniano i vari discorsi sulla “Superlega Europea” in cui la Juve sarebbe protagonista.
Le voci che si rincorrono parlano di Alessandro Del Piero come presidente della Vecchia Signora. Sicuramente per i milioni di tifosi juventini il ritorno di Alex in società è una cosa ben vista e ben voluta ma in altre vesti. Infatti molti tifosi bianconeri non vogliono salutare il loro attuale presidente proprio perchè riconoscono ad Andrea Agnelli moltissimi meriti degli ultimi successi. Molte cose passano inosservate ma anche la scelta dei collaboratori, a partire da Marotta e Paratici per poi arrivare agli allenatori e giocatori sono tutte scelte del Presidente o quanto meno avallate dal numero uno bianconero. Tutti i tifosi Juventini si sono schierati con il loro presidente, considerato l’artefice della rinascita bianconera. Un presidente, Andrea Agnelli, che si è sempre battuto e continua a farlo per la Juve e per i suoi tifosi. Facile ricordare il ruolo che Andrea ebbe nella vicenda Conte, quando l’allora allenatore della Juve venne squalificato per quattro mesi. Il presidente bianconero difese in tutto e per tutto il proprio allenatore difendendolo in tutte le sedi opportune. Chiara nella mente dei milioni di tifosi bianconeri è la battaglia portata avanti contro la Figc per la revoca degli scudetti degli anni di “Calciopoli”. La Juve non si tocca e Andrea Agnelli più di tutti lo ha dimostrato. Serve chiarezza nella vicenda, tutte le parti in causa dovranno uscire allo scoperto per far capire a tutti i milioni di tifosi Juventini quello che sta succedendo intorno alla società e quale futuro gli aspetta. Di sicuro però, un coro unanime si alza dal tifo bianconero, Andrea Agnelli non si tocca.

Leggi anche:  Juventus, la svolta deve arrivare in Supercoppa: un trofeo può ridare tranquillità a Pirlo
  •   
  •  
  •  
  •