Juve: Pjaca operazione ok. Rientro previsto a fine 2017

Pubblicato il autore: Andrea De Vivo Segui

Rientro?Senza fretta. Questo è il diktat cui deve attenersi Marko Pjaca. Dopo la lesione del legamento crociato anteriore e del menisco esterno, patiti in nazionale, l’attaccante croato si è oggi sottoposto alla delicata operazione di ricostruzione presso Villa Stuart. L’intervento eseguito dal dott. Mariani è perfettamente riuscito, ma è ora che comincia il duro percorso riabilitativo che porterà il giocatore al pieno recupero.
La Juventus ha comunicato la perfetta riuscita dell’operazione ed i tempi di recupero con una nota sul sito ufficiale:
In data odierna il giocatore Marko Pjaca è stato sottoposto ad intervento chirurgico al ginocchio destro per rottura del legamento crociato anteriore e del menisco esterno. L’intervento, effettuato dal Prof. Mariani, assistito dal Dottor Claudio Rigo, Responsabile Sanitario della Juventus, è perfettamente riuscito ed il giocatore inizierà da subito le cure riabilitative. La prognosi attuale per la ripresa dell’attività è di circa 6 mesi.

Leggi anche:  Il sito Tutto Juve punge la città Napoli: "Nessun assembramento in città"

Tempi per il rientro da prendere con le pinze, come predica il medico della nazionale croata Nemec che ne ha parlato ai microfoni del quotidiano croato 24Sata:
Il metodo utilizzato dal professor Mariani prevede un recupero di 4-5 mesi, ma la Fifa per infortuni del genere raccomanda di far trascorrere 7-8 mesi, io non mi permetterei mai di far rientrare un giocatore che ha subito un infortunio del genere prima di 6 mesi, c’è il rischio che il legamento del ginocchio ceda di nuovo. Non deve avere fretta.“.

Molto più ottimista il procuratore di Pjaca, Marco Naletinic, che ai microfoni di Juvenews, si è detto sicuro che il giocatore ritornerà dall’infortunio più forte di prima. Queste le sue parole: “Qui a Villa Stuart sono stati operati tanti giocatori di livello: da un grande calciatore come Totti, sino a Quagliarella e tantissimi altri. Marko non vede l’ora di tornare in campo, ma non deve avere fretta”.

Senza fretta dunque. In bocca al lupo Marko.

  •   
  •  
  •  
  •