Juventus, l’infortunio di Pjaca potrebbe avere ripercussioni sul modulo?

Pubblicato il autore: romolo simonicca Segui

Infortunio Pjaca

L’infortunio occorso a Marko Pjaca durante l’amichevole Estonia-Croazia, si è dunque rivelato quello che si temeva: lesione del legamento e conseguente stagione finita per il giovane attaccante bianconero. Stando così le cose, il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri perderà, per la parte finale dell’annata, una pedina molto importante per quanto concerne il nuovo modulo, quel 4-2-3-1 che aveva permesso ai campioni d’Italia di cambiare marcia in campionato e in Champions League. Pjaca infatti, nei piani di Allegri ricopriva l’indispensabile ruolo di prima alternativa ad entrambi gli esterni alti titolari, vale a dire Cuadrado e Mandzukic. Nonostante alcune lacune, palesate soprattutto in virtù della giovane età, Pjaca si era man mano ritagliato uno spazio tutt’altro marginale, tanto che il tecnico livornese aveva iniziato a provarlo anche nel ruolo di vice Dybala, utilizzandolo come un vero e proprio jolly del reparto offensivo bianconero. Ora, con l’indisponibilità del talento croato, la Juventus si troverà con gli uomini contati in avanti, visto che i quattro giocatori offensivi a disposizione sarebbero tutti titolari nel modulo disegnato da Allegri. In mancanza di alternative, quali saranno le scelte dell’allenatore? Gli scenari possibili, al momento sembrano due: uno che prevede il mantenimento del 4-2-3-1 e l’altro il passaggio al 4-3-1-2.

Leggi anche:  Tabellone calciomercato estivo Serie A 2021 LIVE: tutti gli acquisti e le cessioni delle venti squadre

Infortunio Pjaca: Alex Sandro vice Mandzukic e Dani Alves vice Cuadrado per mantenere il 4-2-3-1

Se la Juventus ha inanellato una striscia impressionante di risultati utili in tutte le competizioni lo deve soprattutto al cambio di modulo operato da Allegri a partire da fine gennaio. A dispetto di un atteggiamento più offensivo, la squadra ne ha giovato anche da un punto di vista difensivo, dato che i gol subiti, nel periodo in questione, sono diminuiti drasticamente. Perni centrali di questa impostazione di gioco sono Mandzukic e Cuadrado, chiamati da Allegri a svolgere le due fasi in modo paritetico. Tale ruolo ha quale rovescio della medaglia il fatto di essere molto dispendioso dal punto di vista fisico, tanto che spesso, a partita in corso, uno dei due interpreti veniva sostituito proprio da Marko Pjaca, capace di giocare indifferentemente su entrambe le fasce. Venendo meno il jolly, ecco che i piani di Allegri si complicano notevolmente. Chi farebbe rifiatare all’occorrenza i due esterni alti? E ancora, se uno dei due, o entrambi fossero indisponibili chi giocherebbe al loro posto?
La prima e più probabile ipotesi, sarebbe quella di utilizzare Alex Sandro e Dani Alves in qualità di vice Mandzukic e vice Cuadrado. I due brasiliani sono terzini con spiccate doti offensive, che all’occorrenza potrebbero essere impiegati come ali, coperti nelle retrovie da Asamoah e Lichsteiner. Altra opzione per Allegri, potrebbe essere quella dell’utilizzo di Sturaro in qualità di esterno alto, ruolo in cui è stato già schierato negli ultimi tempi e nel quale potrebbe far valere le sue doti di incursore. Molto meno probabile invece è lo spostamento di Dybala sull’esterno con conseguente sopravanzamento di Pjanic nel ruolo di trequartista.
Passiamo ora a vedere nel dettaglio il secondo scenario, che non prevede il 4-2-3-1.

Leggi anche:  Consigli Fantacalcio 2021/2022, i giocatori da acquistare nelle vostre leghe: ecco chi prendere all'asta iniziale

Infortunio Pjaca, la Juve torna al 4-3-1-2? Con tutti i titolari disponibili, sembra pacifico che Allegri si possa affidare al modulo che sta facendo le sue fortune nell’ultimo periodo. Ma con un eventuale forfait di chiunque dei quattro in avanti, l’allenatore toscano potrebbe decidere di tornare al 4-3-1-2 o addirittura al vecchio 3-5-2, essendo questi moduli collaudati e per i quali ci sarebbe abbondanza di interpreti. In entrambi i casi un ruolo molto importante lo andrebbe a ricoprire Marchisio, sacrificato nell’odierno 4-2-3-1.

  •   
  •  
  •  
  •