Modena, prolungamento del contratto di Capuano: a meno che…

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti Segui

Ha lasciato allibito l’intero popolo canarino il prolungamento fino al 2018 con possibilità di un’ulteriore annata di Eziolino Capuano (nella foto) da parte della società Modena FC, leggasi Antonio Caliendo. A meno che il patron di origine partenopea non abbia voluto lanciare un paio di messaggi forti e chiari (senza esporsi in prima persona naturalmente, ndr). Primo, non abbiamo nessuna intenzione di retrocedere in serie D tra i dilettanti (ma questo, ahinoi, potrà deciderlo solo il campo). Secondo, qui comando io e intendo restare alla guida del Modena ancora per molto tempo. Si dice infatti che Caliendo abbia intenzione di lasciare solo quando la compagine gialloblù sarà tornata in serie B, là dove il buon Antonio l’aveva presa. Quindi niente cordate, niente Bonacini del Carpi, niente Zamparini del Palermo (che aveva già smentito a suo tempo un suo interessamento nei confronti del Modena), niente Ballotta con la sua due diligence.
Caliendo, sempre Caliendo, ancora Caliendo. I tifosi canarini più accesi, quelli che allo stadio espongono lo striscione “Via da Modena” (al Braglia ma anche in trasferta) dovranno loro malgrado mettersi il cuore in pace: Caliendo non mollerà né facilmente né velocemente. E ora non ci resta che augurarci di fare un risultato utile domenica prossima in trasferta contro l’AlbinoLeffe.

Leggi anche:  Roma, al via l'accelerata per l'attaccante svedese
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: