Montella il valorizzatore del Milan, da Deulofeu a Bacca tutti i rigenerati dell’Aeroplanino

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
montella

Montella, è lui il valorizzatore rossonero

Da settimane, ormai mesi i tifosi del Milan lo sostengono in ogni discussione calcistica, è Vincenzo Montella il vero valore aggiunto della stagione rossonera. L’allenatore rossonero si è calato alla perfezione a Milanello fin dal primo giorno, con umiltà e tanta voglia di riportare in alto il club. Nonostante le traversie societarie, tra cinesi e closing fantasma, Montella ha dato una precisa identità alla squadra. Il tecnico milanista ha saputo ovviare anche ai grandi infortuni che hanno colpito i rossoneri nel corso della stagione, da Montolivo a Bonaventura fino a Suso e Abate. Il vero grande merito è stato quello di rigenerare giocatori che ormai sembravano in crisi d’identità e di lanciare giovani sconosciuti fino a pochi mesi fa. La prova del grande lavoro effettuato da Montella è data dalle convocazioni della varie nazionali impegnate nei match di qualificazioni mondiali verso Russia 2018. A cominciare dalla nazionale italiana, dove oramai i vari Donnaruma, De Sciglio e Romagnoli sono presenza fisse tra le convocazioni di Ventura. Senza dimenticare Montolivo e Bonaventura, fermati dagli infortuni, ma costantemente presenti nei pensieri azzurri del c.t. In più in questi giorni a Coverciano ci sono anche Petagna e Verdi, prodotti del vivaio rossonero, sul centravanti dell’Atalanta i rossoneri mantengono ancora un diritto di prelazione . Oltre alla nazionale maggiore il Milan fornisce abbondantemente anche le giovanili azzurre, con Calabria e Locatelli nell’Under 21, Plizzari,Lamas, Cutrone e Gabbia nell’Under 19 e Bellanova nell’Under 17. Sono quindi ben 10 i nazionali italiani forniti dal Milan, e da Montella, uno in più della Juventus, una bella soddisfazione per chi ha deciso di puntare sui giovani nostrani.

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

Da Deulofeu a Bacca, anche gli stranieri volano con la cura Montella

Se da un parte il Milan rifornisce con tanti giocatori le nazionali italiane, lo stesso i rossoneri fanno con quelle straniere. Grazie al lavoro di Montella Deulofeu ha ritrovato la maglia della Spagna dopo tre anni dall’ultima chiamata. Le Furie Rosse avrebbero accolto anche Suso, ma l’ex Liverpool è fermo per infortunio e non ha potuto rispondere alla chiamata di Lopetegui. Dopo un periodo di assenza anche Bacca e Zapata sono stati richiamati dalla Colombia di Pekerman. Bacca è tornato a segnare con continuità, Montella ha sempre puntato su di lui, solo la squalifica ha impedito di segnare ancora contro il Genoa. Gustavo Gomez continua ad essere un punto fermo del Paraguay, così come Honda per il Giappone, elogiato sempre da Montella ma utilizzato pochissimo in questa stagione. Altri giocatori come Pasalic sono in rampa di lancio per una chiamata in nazionale, oppure come Ocampos, oggetto misterioso al Genoa che si sta ritagliando il suo spazio nel Milan. Closing o non closing il lavoro di Montella svolto in questa stagione è stato decisamente buono, ora occorre fare chiarezza per non buttare a mare quanto di buon fatto finora. La prossima sarò la stagione che porterà ai Mondiali di Russia, il Milan vorrà portare quanti più giocatori in nazionale, ma Montella non può continuare a fare i miracoli, non così a lungo.

  •   
  •  
  •  
  •