Spogliatoi Juventus: scritta “Ladri” sugli scudetti? Ecco cosa è accaduto dopo Juventus Milan

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Spogliatoi Juventus Stadium

Qualche sgabello rotto, pugni agli arredi ed una scritta, emblematica dello stato d’animo con cui i giocatori del Milan sono rientrati negli spogliatoi Juventus dopo la partita contro i bianconeri: “Ladri!”. A ricostruire quanto accaduto venerdì sera all’interno degli spogliatoi Juventus Stadium è la Gazzetta dello Sport che ha descritto quanto sarebbe avvenuto dopo il triplice fischio di Mazza.
Furia Milan dentro gli spogliatoi Juventus? – Stando alla ricostruzione fatta dalla Gazzetta dello Sport la rabbia dei giocatori del Milan dopo la sconfitta arrivata a causa del rigore contestatissimo fischiato dall’arbitro Massa oltre i quattro minuti di recupero concessi sarebbe sfociata in una serie di episodi non proprio “civili” commessi all’interno degli spogliatoi Juventus. Secondo la Gazzetta le riproduzioni dei titoli bianconeri fissate alle pareti hanno preso qualche pugno e nello spogliatoio sembra sia stato rotto uno sgabello.  Inoltre qualcuno  avrebbe utilizzato un pennarello incidendo  “Ladri!” sulle riproduzioni degli scudetti 2004-05 e 2005-06, ovvero quelli di Calciopoli. Probabilmente tutto è avvenuto nel corridoio che porta allo spogliatoio degli ospiti.

Leggi anche:  Supercoppa, Juventus-Napoli 2-0: proteste Napoli sull'1-0 e rigore concesso con il Var. Ecco la Moviola

Le indiscrezioni sui presunti “danneggiamenti” ai danni degli spogliatoi Juventus, uscite già nella giornata di sabato, non sono state commentate dal Milan che si è trincerato dietro il più assoluto silenzio con l’obbligo per tutti i tesserati di non rilasciare più alcuna dichiarazione su quanto avvenuto durante e dopo la gara di venerdì sera contro la Juventus. Intanto è attesa per domani la decisione del Giudice Sportivo su Carlos Bacca, scagliatosi contro l’arbitro Massa al fischio finale. Il colombiano potrebbe pagare per tutti, con almeno due giornate di stop.

  •   
  •  
  •  
  •