Verso Roma-Sassuolo, Di Francesco in conferenza stampa

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Verso Roma-Sassuolo

Dopo lo stop interno subito la scorsa settimana per mano del Bologna, il Sassuolo domani sera tornerà in campo nella sfida dell’ Olimpico contro la Roma. Servono punti alla squadra di Di Francesco per provare a finire una stagione davvero disastrosa. Tra poco le parole dell’allenatore nella consueta conferenza di vigilia.

Sulla partita di domani sera: “Spero di vedere il Sassuolo che in trasferta ha messo in difficoltà le avversarie. Voglio un Sassuolo dinamico e incisivo, voglio maggiore cattiveria in entrambe le fasi“.

Sulla condizione della squadra in questo momento: “Oggi in allenamento si sono infortunati alla caviglia Gazzola e Mazzitelli che avrebbero dovuto giocare, quest’ anno va così ma sono convinto che faremo una gara di alta qualità, mentale soprattutto. La formazione la deciderò tra stanotte e domani, ho voluto dare segnali alla squadra, ho lavorato dal punto di vista motivazionale, si devono sentire tutti titolari e panchinari. Chi farà il terzino destro? Sono in dubbio Lirola e Letschert, 50% entrambi. Defrel dovrebbe giocare“.

Sui precedenti match con la Roma: “All’ Olimpico sono arrivati tre pareggi, avremmo meritato qualcosina di più. In casa abbiamo fatto ottime prestazioni, anche se abbiamo perso”.

Sulla Roma: “Hanno una rosa di grande qualità, anche con il turn-over dopo l’ Europa League. Giovedì, dal mio punto di vista, non meritavano di uscire“.

Sull’ attacco del Sassuolo: “Non concretizziamo le situazioni che creiamo, la cattiveria sotto porta non si compra, si può migliorare ed allenare. Noi diamo le soluzioni ai giocatori, che devono però venire mentalmente preparati alle partite”.

Sullo stadio d’animo Eusebio Di Francesco: “Ognuno dei miei giocatori si deve tenere stretto questo ambiente e questa squadra: sono arrabbiato perché stiamo crescendo lentamente da questo punto di vista. Devono capire che siamo fortunati a giocare in Serie A, con una società seria alle spalle. Una cosa che mi dà fastidio è la struttura: non siamo adeguati alla Serie A. Oggi sul campo di allenamento, per esempio, si sono infortunati due giocatori, continua l’allenatore neroverde, e per questo sì, sono arrabbiato”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Moggi sicuro: "Ecco chi vincerà lo scudetto. Ora il Napoli è più forte della Juventus. Sarri è un traditore..."