Fiorentina-Empoli: quella volta che…

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

Sabato 15, nel turno pasquale, avrà luogo il derby toscano tra Fiorentina ed Empoli. Non tutti sanno che nella sfida di 30 anni fa, prima in assoluto tra le due squadre, ci fu l’ultima rete viola di Giancarlo Antognoni, che il 1 aprile ha spento la bellezza di 63 candeline. L’auspicio è che ci perdoni l’enorme ritardo con il quale ricordiamo una grande bandiera viola, che per 15 lunghi anni illuminò il centrocampo viola, con l’eccezione della stagione 1984-85 nella quale restò fermo ai box per i postumi di un infortunio serio che patì nel febbraio del 1984. Quella stagione 1986-87 segnò l’esordio assoluto per gli azzurri guidati da Gaetano Salvemini, che sostituirono il Vicenza, promosso in A sul campo ma retrocesso a causa del calcio scommesse. E’ una bella squadra, con elementi come Enrico Cucchi (scomparso prematuramente nel 1996), Eusebio Di Francesco (attuale allenatore del Sassuolo), il portiere Giulio Drago, la punta Incocciati, il libero Lucci, Walter Mazzarri (attuale allenatore del Watford) la punta svedese Johnny Ekstrom, che all’andata fu il match winner e l’attaccante Marco Osio. La Fiorentina, nell’estate precedente ha venduto i pezzi migliori: Galli e Massaro sono andati al Milan mentre Passarella è approdato all’Inter. A guidarli è Eugenio Bersellini, che dispone però di una rosa non molto ampia. Punte sono Diaz e Di Chiara, in porta c’è l’emergente Landucci, in difesa gli esperti Pin,Maldera, Galbiati, Gentile e Contratto, a centrocampo Oriali. Ma è un’annata piuttosto grigia. L’Empoli è a quota 19, di poco sopra la cosiddetta zona pericolo: a retrocedere sono tre e la terzultima, l’Ascoli, è a un solo punto di distanza: la squadra di Salvemini è reduce dall’ottimo pareggio interno con il Napoli di Maradona: un buon 0-0 contro un avversario decisamente superiore. Anche la Fiorentina è reduce da un pari: i viola hanno fatto 1-1 contro la Roma di Eriksson, che proprio in autunno prenderà il posto del ” sergente di ferro” alla guida della Fiorentina. La gara si gioca il 12 aprile, allo stadio Comunale: è una bella giornata di sole. Al 19′ viene concesso un calcio di rigore alla Fiorentina: Lucci interviene su Di Chiara e l’arbitro non ha dubbi: è calcio di rigore. Batte Antognoni, Drago si tuffa alla propria destra e respinge: la palla perviene di nuovo al numero 10 che insacca: è l’1-0. Al 73′ Galbiati atterra Della Monica, che era penetrato in area viola sul lato sinistro: D’Elia di Salerno indica ancora il dischetto e Casaroli, con un tiro potente sotto la traversa, infila Landucci: la gara finirà 1-1 e sarà, come detto prima, l’ultima rete di Antognoni con la maglia viola. A fine stagione, la Fiorentina si classificherà decima con 26 punti mentre l’Empoli, con 23, otterrà la salvezza, anche se dovrà scontare, nel campionato successivo, una penalizzazione di cinque punti.

Leggi anche:  Juventus, questa sconfitta è di Pirlo: scelte sbagliate e mancata interpretazione della gara

Stadio Comunale di Firenze

Domenica 12 aprile 1987

Fiorentina-Empoli                                                       1-1 (1-0)

Fiorentina: Landucci, Contratto, Maldera, Oriali, Pin, Galbiati, Berti, Gelsi, Diaz, Antognoni, Di Chiara (62’Monelli).
A disposizione: Conti, Rocchigiani, Gentile, Onorati.
Allenatore: Bersellini

Empoli: Drago, Vertova, Gelain, Della Scala, Lucci, Brambati, Cotroneo (46’Calonaci), Casaroli, Ekstroem, (81’Urbano),
Della Monica, Baiano.
A disposizione: Calattini, Picano, Osio
Allenatore:Salvemini
Arbitro: D’Elia (Salerno)
Marcatori: Antognoni al 20′, Casaroli al 73′(rig.)

  •   
  •  
  •  
  •