Genoa, Juric esalta la squadra ma punta il dito contro chi non lo voleva

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

La prestazione c’è stata, così come la grinta e la voglia di lottare fino alla fine. Ivan Juric condottiero in panchina e non solo. E’ stato un buon Genoa, peccato soltanto per la rete presa nel recupero, ma questo Grifone ha dato la sensazione di poter vincere anche nel finale con la doppia occasione avuta Pandev Simeone. A fine partita Ivan Juric in conferenza stampa ha analizzato la gara della sua squadra:

“E’ stata un’ottima partita giocata contro squadra forte, i ragazzi sono stati bravi e coraggiosi. Unico rammarico per l’ultima palla gol, ma il pareggio potrebbe sembrar giusto. Siamo tornati a lavorare normamlmente, abbiamo lavorato sulla testa, ho visto i ragazzi concentrati in settimana e mi hanno dimostrato che ci sono e possono fare bene”

Sul suo ritorno al Genoa, al posto della deludente gestione Mandorlini, Ivan Juric si è così espresso:

Leggi anche:  Tottenham, Gollini è impaziente: "Voglio giocare con lo stadio pieno"

“Qualcuno voleva che tornavo, qualcuno no, ma hanno vinto coloro che mi volevano. Non posso dire chi. Le mie figlie tifano Genoa, è stato un onore per me tornare quì. I giocatori adesso hanno grossa occasione per lavarsi l’immagine, loro sono onesti.  Adesso sono stanco ma contento, stare fuori e guardare le partite è stata una brutta sensazione. Sono soddisfatto per il lavoro fatto questa settimana”

Ivan Juric è poi tornato sulla partita concentrandosi sulla prestazione di Simeone e Pandev, entrambi in rete. L’argentino non segnava dalla doppietta di Firenze (con Juric in panchina), mentre il macedone in campionato con la maglia del Genoa non aveva  ancora segnato:

“Simeone e Pandev hanno fatto bene, Giovanni ha avuto altre occasioni, dispiace per l’ ultima palla gol che mi pareva dentro, ma non avevo dubbi su di loro”

Il tecnico rossoblù ha poi analizzato la sua espulsione e i sette minuti di recupero:

Leggi anche:  Dove vedere Spal-Verona in diretta tv e in streaming, amichevole 6 agosto 2021

“Espulsione? E’ stata per  la reazione delle mie braccia, non ho detto nessuna parola. Sul recupero è stato dato perchè mancavano palloni, poi abbiamo parlato, se facevamo gol avremo fatto i complimenti all’arbitro”

Ivan Juric è poi tornato sul suo passato, in modo particolare al terribile mese di gennaio più volte tirato in ballo. La squadra lentamente si era spenta fino alla pessima gara di Pescara costata la panchina all’ex tecnico del Crotone:

“Io ho avuto difficoltà a gennaio dove mio lavoro non aveva avuto frutti, a Pescara abbiamo avuto un crollo totale, i giocatori ci sono, vogliono quello che facciamo e mi hanno dimostrato che vogliono far bene. Bene anche la risposta del pubblico, la squadra ha trascinato il pubblico, loro hanno fatto il primo passo rispetto a noi e ci ha dato una grande mano”

Per le successive partite Juric si è così esposto spronando anche i giocatori:

Leggi anche:  Amichevole, dove vedere Bayern Monaco-Napoli: streaming e diretta tv in chiaro?

“Loro per queste sei gare dovranno liberarsi di un’ immagine brutta, si devono dimostrare uomini di calcio, magari anche meno bene, ma l’atteggiamento deve esser questo. Se non arriva vorrà capire che non abbiamo appreso. Con la Juventus dovremo lavarci l’immagine  del Genoa ultime partite, è stata negativa, tutto il gruppo ha l’obbligo di presentarsi come oggi senza nessun calo”

  •   
  •  
  •  
  •