La favola di Mamadou Coulibaly del Pescara, dal barcone all’esordio in Serie A [VIDEO]

Pubblicato il autore: Adriana Zuccarini Segui
Il giovane senegalese ha fatto il suo esordio da titolare nella partita tra Pescara e Milan. Una giornata che non dimenticherà facilmente vista la sua incredibile storia: è arrivato in Europa con un barcone e vive ancora in una casa-famiglia: “Sapevo di potercela fare. Sono felice.”

La sua storia ha commosso tutti i tifosi Pescaresi e non. Tanti sogni e poche certezze, nel mezzo un viaggio della speranza Senegal-Italia sola andata per l’allora 17enne Mamdou Coulibaly. Partito solo, con un padre insegnante di educazione fisica che, per paradosso, non voleva un figlio calciatore, e solo con lo stretto necessario per affrontare la traversata salì, alla ricerca di fortuna, su un barcone per l’Europa; ad accoglierlo è l’Abruzzo, precisamente la casa famiglia di Montepagano, frazione di Roseto degli Abruzzi, la stessa che al tempo accolse anche Babacar, giovanissimo giocatore senegalese anche lui, attaccante della Fiorentina. E la storia sembra ripetersi.

Leggi anche:  Amichevoli Roma 2021: tutti gli impegni precampionato dei giallorossi

Mamadou raccontando la sua storia dice: “Non ho avuto mai così tanta paura, non so nuotare, buio ed acqua mi hanno terrorizzato. Ho fatto tantissimi sacrifici, fin da piccolo. Appena arrivato ero in Francia a Grenoble da mia Zia, poi sono venuto a Livorno da amici, poi ho deciso di venire a Pescara. Sono stato nella casa famiglia di Montepagano dove mi hanno aiutato davvero tanto, senza di loro non sarei mai qui, non avevo documenti, non avevo niente. Ora sono felice. Ho fatto anche i provini con il Sassuolo e il Cesena ma per loro ero scarso”

Tensione, gioia, incredulità, tante emozioni per una partita che non dimenticherà certo facilmente. Coulibaly ieri ha davvero giocato un’ottimo match. Donato Di Campli, agente suo ed anche di Marco Verratti ha confermato: “Per me, è come Pogba” Le caratteristiche infatti, sembrerebbero essere proprio quelle: centrocampista potente e super tecnico, devastante in progressione palla al piede. Di Campli ha poi aggiunto “Coulibaly ha decisamente qualcosa di speciale. Ieri ha giocato semplice, come i giocatori esperti, e ha sbagliato poco”.

Durante le numerose interviste di ieri in post partita Mamadou ha tenuto a precisare ai microfoni: “Questo per me è un sogno che si realizza, il Milan era la mia squadra del cuore fin da piccolo, anche mio padre tifa Milan. Ora però ho un altro grande sogno, vorrei giocare in nazionale con il Senegal“. Il suo paese, dove ieri famiglia ed amici hanno fatto una colletta per vederlo giocare sulla Pay Tv.

Leggi anche:  Palermo-Salernitana, streaming gratis e diretta tv in chiaro: dove vedere amichevole

Il giovane senegalese fu centellinato da Massimo Oddo e poi lanciato definitivamente da Zdenek Zeman: “Oddo è una brava persona perchè mi ha aggregato alla prima squadra; dall’arrivo di Zeman per un mese non mi sono allenato con la prima squadra e questo mi dispiaceva molto. Quando mi hanno detto che sarei tornato a giocare in prima squadra, è stata una festa, ero davvero molto felice. Zeman mi ha fatto giocare anche a Bergamo ed oggi contro la squadra che tifo da quando ero piccolo. Per me è un sogno meraviglioso”.

 

Le parole del centrocampista biancazzurro dopo la partita Pescara – Milan del 2 Aprile

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: