Napoli-Juve, qui si decide il campionato

Pubblicato il autore: valerio vitali Segui


Napoli-Juve gara che può riaprire i giochi del campionato o chiuderli definitivamente: i bianconeri con una vittoria potrebbero mettere la parola fine al discorso Scudetto.

Non è Higuain contro tutti – Una sfida da vertice, che mette di fronte due squadre dal tasso tecnico-tattico elevatissimo, con uno scenario quasi surreale per essere solamente una partita di calcio.
Questa dovrebbe essere la rappresentazione più bella di Napoli-Juve, che in questi ultimi giorni è stata invece dipinta come un Napoli VS Higuain.

Gonzalo Higuain non esulta dopo il gol del 2-1 nel match d’andata allo Stadium

E’ vero, il “Pipita” torna in quella che per tre anni è stata la sua casa, quel San Paolo che più e più volte ha gioito dopo ogni suo gol, ma questa partita non può e non deve concentrarsi solamente su di lui.
Così come fu per Altafini negli anni 60′, passato anche lui dal Napoli alla Juve e visto di conseguenza dai tifosi partenopei come “traditore”, l’accoglienza che gli verrà riservata dai suoi ex tifosi non sarà certamente delle più amorevoli. L’attaccante argentino però ha dalla sua parte tanti anni di carriera e di esperienza in quasi tutti i maggiori stadi del mondo e avrà dentro di se quella sana adrenalina per approcciare correttamente a questo Napoli-Juve con il giusto spirito, di rivalsa sì, ma solo a livello sportivo.

Leggi anche:  Dove vedere Twente-Venezia in diretta tv in chiaro e streaming gratis, amichevole 3 agosto

Una Juve rimaneggiata – Quello che vedremo domani sera non sarà forse il miglior undici possibile per Max Allegri, che dovrà fare a meno di molti infortunati, a partire dal croato Pjaca fino al giovanissimo Kean, passando per i problemi al ginocchio di Mandzukic e i sudamericani Cuadrado e Dybala non al top della condizione.

I giocatori più in forma della Juventus, allo stato attuale, sembrano essere proprio Higuain e il bosniaco Pjanic. Quest’ultimo ha già timbrato il cartellino tre volte contro i partenopei (addirittura con una doppietta nella stagione 2013-2014 quando vestiva la casacca della Roma).
Oltre a loro due si dovrebbe presentare in grande spolvero anche Alex Sandro, escluso ancora una volta dalle convocazioni del suo Brasile e rimasto ad allenarsi per queste due settimane a Vinovo.
L’esterno ex Porto, con il reparto arretrato potrebbe rappresentare il punto di forza di questa Juve, che in linea teorica dovrebbe tornare a giocare con i tre centrali dietro, molto più per necessità che per reale volontà tattica.

Leggi anche:  Amichevoli Juventus estate 2021: calendario, date e orari delle partite in programma

Una gara che vale lo Scudetto – Oltre al fascino che rappresenta sempre Napoli-Juve, questa è davvero una partita che vale molto più dei tre punti in palio.
Un’eventuale sconfitta del Napoli, estrometterebbe definitivamente la squadra di Sarri dalla lotta Scudetto, che rimarrebbe di fatto a due, proprio tra la Juventus e la Roma (spettatrice attenta che sarà impegnata questa sera allo Stadio Olimpico contro l’Empoli).
E’ inutile però girarci troppo intorno, una vittoria della “Vecchia Signora” chiuderebbe di fatto i giochi a otto giornate dal termine, anche se la differenza rispetto ai giallorossi dovesse rimanere invariata.
Sarebbe impensabile per i ragazzi di Spalletti strappare ben otto lunghezze a questa Juventus, sebbene ci sia un doppio confronto europeo col Barcellona che potrebbe distogliere forze psico-fisiche anche per il campionato.

Leggi anche:  Dove vedere amichevole Wisla Cracovia-Napoli, streaming e diretta TV8?

Una sconfitta bianconera invece, darebbe ulteriori speranze in chiave titolo per il Napoli appunto e soprattutto alla Roma, che andrebbe addirittura a -5, con lo scontro in casa contro la Juve ancora da giocare.
Un jolly importantissimo alla terzultima di campionato che potrebbe mescolare le carte della Serie A e rimettere tutto in discussione.

L’esito finale di questo Napoli-Juve di campionato inoltre porterà ripercussioni inevitabili anche per ciò che concerne la Coppa Italia. In caso di estromissione dallo Scudetto da parte del Napoli diverrebbe automaticamente di vitale importanza per i partenopei alzare quanto meno un trofeo, per non far sì che alla fine della stagione il piatto non pianga ancora una volta.
Discorso che vale molto meno per la Juventus, che arriverà al big match del San Paolo con meno pressioni sulle spalle, avendo ancora un buon margine di vantaggio sulle concorrenti ed una pista Champions sulla quale puntare.

  •   
  •  
  •  
  •