Napoli-Juventus: basta odio, è solo un gioco

Pubblicato il autore: Alessio Prastano Segui
Napoli-Juventus: basta odio, è solo un gioco

Napoli-Juventus: basta odio, è solo un gioco

Silenzio, basta con le inutili polemiche, le scorribande in scooter; finiamola con l’odio che non tende a placarsi, smettiamola con la teoria del tutti contro uno. Napoli-Juventus è semplicemente una partita di calcio, bella ed emozionante da vedere con la giusta tensione, ma che in ogni caso farà pur sempre parte di un gioco.

La sosta per dar spazio alle Nazionali ha prolungato, forse eccessivamente, l’attesa per un match che verrà visto in circa duecento Paesi del Mondo. Gli occhi del Pianeta saranno tutti concentrati su un unico luogo, lo Stadio “San Paolo”. In questi dieci giorni non sono mancati gli scambi di battute, gli screzi ed i preparativi per accogliere, nel peggiore dei modi, Gonzalo Higuain, il traditore secondo il parere dei tanti tifosi azzurri. Napoli non dorme da giorni per la partita dell’anno, che verrà replicata mercoledì 5 aprile in occasione della semi finale di ritorno di Coppa Italia.

Leggi anche:  Amichevole, dove vedere Nizza-Milan: streaming e diretta tv in chiaro?

A cosa servono l’odio ed i veleni? Che senso avrebbero i vetri del bus di una o quell’altra squadra presi a sassate conditi con squallidi sputi? Napoli-Juventus deve essere giocata solo ed esclusivamente sul campo, con la giusta tensione ed il sano agonismo tra le due tifoserie, che non deve sfociare in violenza. Sarebbe un’offesa al nostro calcio, alla bellezza che esso merita; sarebbe uno smacco soprattutto a due grandi squadre che in tre giorni si sfideranno in due atti, validi per due competizioni distinte. Saranno due gare che in qualche modo daranno un chiaro messaggio alla stagione di entrambe: la riconferma in campionato per i bianconeri, o la rimonta sognata per i partenopei; oppure potremmo aspettarci uno stop nella corsa della Juventus verso il sesto tricolore, o l’eliminazione del Napoli dalla Coppa Italia.

Leggi anche:  Inter-Bellerin, l'Arsenal si apre alle trattative del prestito con diritto di riscatto. Empoli su Pinamonti

Ai sogni, alle speranze e agli obiettivi di Napoli-Juventus risponderà il campo, unico giudice supremo di uno sport, il calcio, che deve essere solo giocato e vissuto con le sensazioni belle di chi vuole vincere sull’altro.
Cerchiamo di evitare dispiegamenti straordinari di Forze dell’Ordine: saranno utili per eventi molto più importanti, con un tasso di attenzione maggiore rispetto ad una semplice partita di calcio.
Questo è lo sport più bello del mondo, perché usarlo come un campo di guerriglia urbana? Per molti, il calcio è l’essenza della propria vita, novanta minuti di gioia, un’ora e mezza utile per distrarsi dalle problematiche che ci accerchiano ogni giorno.

Basta striscioni che rievocano poveri morti, basta sperare in vulcani dormienti da secoli. Smettiamola, tutti.
Napoli-Juventus deve essere un inno al calcio giocato, quello per cui l’unico giudice onnipotente è solo un rettangolo verde.

  •   
  •  
  •  
  •