Lega Pro, Padova non aver paura di sognare anche se la strada è impervia

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

Mancano poco più di cinque ore all’attesa sfida tra Padova e Venezia: è la quarta volta che le due compagini si affrontano, visto anche il turno di Coppa Italia, che ha visto prevalere i lagunari. In campionato invece, a sorpresa, furono gli uomini di Brevi a vincere, andando ad espugnare il Penzo con un sonoro 3-1. Sembra passata una vita dalla famosa vigilia di Padova- Reggiana, quando il contestatissimo Oscar Brevi era sul punto di essere esonerato: anzi, si diceva che sarebbe stato sollevato dall’incarico anche in caso di vittoria. Si vinse 2-0 e da quel momento la squadra biancoscudata iniziò a risalire la china, vincendo sei delle ultime dieci gare del girone di andata. Perle di quel cammino furono il 4-1 di Parma e, appunto, il 3-1 di Venezia, che accreditarono la squadra del Santo come possibile sorpresa del campionato. Il cammino è proseguito anche nel girone di ritorno, con solamente una sconfitta all’attivo (alla terza, in quel di Forlì) e due soli pareggi: a domicilio con il Gubbio e a Reggio Emilia: il resto, tutte vittorie, sintomo di una squadra in crescita, contraddistinta da una forte coesione di gruppo. Inatteso, ma comunque temuto (è pur sempre primavera,anche per gli atleti)è arrivato il calo fisico, con due sconfitte che hanno frenato la corsa del Padova alla seconda piazza: 2-1 a Salò (battuto col medesimo punteggio all’andata) e in casa con il Parma, in lotta anch’esso per il secondo posto.

Leggi anche:  Roma, Fonseca vicino all'esonero, salvo fino al prossimo errore

L’autorevole mensile ” Guerin Sportivo “, nel numero in edicola in questi giorni, ha elogiato il lavoro di Brevi, invitando di fatto la squadra a non smettere di sognare, per poter provare ad accedere alla categoria superiore. Dando per scontata la fuga del Venezia verso la promozione diretta (12 punti paiono un abisso, a cinque giornate dal termine), bisognerà lottare testa a testa con i ducali (ma attenzione anche al Pordenone)per puntare il più in alto possibile. Ieri il Parma ha perso inaspettatamente con il fanalino di coda Ancona e quindi sarà necessario approfittarne. Il presidente ha invitato a presentarsi allo stadio con una sciarpa o una bandiera per sostenere la squadra. I Playoff sono ormai acquisiti ma bisogna vedere come: quindi, vietato mollare, anche se il vento è parso contrario. Appuntamento quindi stasera allo stadio Euganeo.

Leggi anche:  Supercoppa, Juventus-Napoli 2-0: proteste Napoli sull'1-0 e rigore concesso con il Var. Ecco la Moviola

 

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: