Palermo, salva almeno l’onore e la dignità

Pubblicato il autore: nicola bargione Segui


La stagione del Palermo è da definire fallimentare. La sconfitta di ieri a Milano contro il Milan, ha mostrato una squadra molle, che sembra aver rinunciato a combattere per conquistare una salvezza che, adesso, sembra un’utopia, dato che L’Empoli è a più 8 dai rosanero, che hanno racimolato la miseria di 15 punti. Adesso il Crotone, che sembrava a un passo dal baratro fino a poche giornate fa, ha un distacco di soli 3 punti dai toscani.
Sono anche i numeri condannano i rosanero : a sette giornate dalla fine del campionato, il Palermo ha subito ben 67 goal, facendone 25, di cui 10 del solo Nestorovski. Le 10 sconfitte consecutive ( fra L’ottava e la sedicesima giornata di campionato, e inclusa l’eliminazione ai rigori dalla coppa Italia, per mano dello Spezia) hanno fatto eguagliare un record che durava dalla stagione 1956/1957.
Il ” Renzo Barbera”, da sempre fortino inespugnabile e fonte di tanti punti, in questo campionato è diventato terra di conquista per quasi tutte le formazioni di serie A. Il Palermo, nel suo stadio, ha conquistato solamente 5 punti ( 2 pareggi con Sampdoria e Pescara e riuscedo a vincere una sola volta, contro il Crotone ). In trasferta invece, il trend è stato totalmente opposto : lungo lo stivale ha conquistato 10 punti, esattamente il doppio di quelli conquistati nel capoluogo siciliano.
Gli allenatori che si sono alternati sulla panchina sono stati 4 : La stagione iniziò con Ballardini, ma il tecnico ravennate si dimise dopo la seconda giornata per incomprensioni, riguardanti il mercato estivo, con Zamparini. Venne chiamato il giovane Roberto De Zerbi, che però ha ottenuto una media punti bassissima. Fu esonerato il 30 Novembre dopo la partita di coppa Italia, persa ai rigori con lo Spezia. Al suo posto arrivò L’ex capitano e idolo dei palermitani, Eugenio Corini, ma sempre per incomprensioni sul mercato si dimise e al suo posto subentrò Diego Lopez, attuale tecnico del Palermo, ma la sua panchina vacilla pericolosamente in virtù delle ultime 5 sconfitte consecutive.
La vera rivoluzione avverà  in società perchè, dopo 15 anni, Zamparini lascerà la presidenza. Entro il 30 di Aprile dovrebbe avvenire il closing e il Palermo nelle mani dell’ Italo-Americano Paul Baccaglini, che già è al timone della società.
Le uniche vittime di questa stagione scellerata e piena di delusioni, sono i tifosi del Palermo che non hanno mai fatto mancare l’amore e la vicinanza alla squadra rosanero. Essi sperano in un futuro migliore con questa nuova proprietà, che possa far tornare a volare l’aquila sempre più in alto.

Leggi anche:  Amichevole Twente-Venezia 0-1: gli highlights del match
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: