Presunti favori alle milanesi: la replica dell’Inter alla Lazio. Ma intanto Pioli è sulla graticola…

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado
Pioli su Inter-Juventus: "Un match che vale oltre i tre punti"

Inter Pioli sempre più a rischio per la prossima stagione

Hanno sollevato reazioni contrastanti le dichiarazioni rilasciate ieri da Arturo Diaconale, responsabile comunicazione della Lazio, che alla radio ufficiale del club biancoceleste aveva parlato di presunti “favori” che potrebbero essere elargiti in questo finale di stagione alle due formazioni milanesi, impegnate nella corsa per un posto in Europa League. In particolare Diaconale ha fatto riferimento al trattamento ricevuto dalla Lazio nella partita contro il Genoa, nel corso della quale i biancocelesti hanno protestato per alcune decisioni arbitrali considerate in casa Lazio penalizzanti , collegando lo stesso ad un presunto disegno atto a favorire l’ingresso in Europa di almeno una delle due società milanesi, entrambe guidate da proprietà cinesi. Sui dubbi sollevati da Diaconale è intervenuto prima di Fiorentina Inter il Direttore Sportivo del club nerazzurro Piero Ausilio che, pur non volendo entrare nel merito delle parole di Diaconale, ha lasciato intendere ai microfoni di Premium Sport chiaramente quale sia la posizione della società nerazzurra di fronte a queste accuse.

Leggi anche:  Claudio Lotito Senatore: "Lazio, resto Presidente. Scudetto possibile, ho trattenuto i migliori"

Lotta Europa League, la (non) replica di Ausilio

“Dichiarazioni della Lazio? Non rispondo perché non è un tesserato. Sorrido di fronte a certe dichiarazioni, che servono per far parlare di se”.

Il Direttore Sportivo dell’Inter ha parlato anche del campionato dei nerazzurri e del futuro del tecnico Stefano Pioli, legato a stretta mandata all’obiettivo Europa League che adesso dopo la debacle di Firenze diventa molto difficile

” Pioli? Deve continuare a fare quello che sta facendo, contro Crotone e Samp abbiamo visto che dobbiamo fare altro, l’obiettivo chiesto a Pioli è l’Europa.  I miei suggerimenti li ho in testa, dobbiamo credere su questo allenatore, i risultati non sono stati positivi ma non vuol dire che non sono stati fatte cose buone. I giocatori sono cresciuti tanto e attraverso il lavoro di Pioli sono convinto che ci rilanceremo alla grande”.

La sconfitta contro la Fiorentina, però, avrà sicuramente grosse ripercussioni sulla squadra nerazzurra e sullo stesso tecnico Pioli. La formazione interista nel secondo tempo del Franchi è sparita completamente dal campo facendosi travolgere dalla Fiorentina. I nerazzurri non hanno dato mai l’impressione di poter riaprire la gara, eccezion fatta per il trascinatore Icardi a testimonianza di come, probabilmente, gli ultimi risultati non positivi hanno prodotto un evidente scollamento tra squadra ed allenatore. Ed il finale di stagione, a questo punto, potrebbe trasformarsi per l’Inter in un lento ed inesorabile cammino verso l’ennesima rivoluzione.

  •   
  •  
  •  
  •