Milan, in campo a Crotone una squadra costata 23 milioni. Una ne costò 206,2: correva l’anno 2002/2003

Pubblicato il autore: Fabio Sala Segui
Milan Serie A Berlusconi

Milan campo Crotone squadra costata 23 milioni una costò 206 milioni 2002/2003

Milan 4-3-3: Donnarumma; Calabria, Zapata, Paletta, Vangioni; Kucka, Locatelli, Mati Fernandez; Suso, Lapadula, Deulofeu. Allenatore Vincenzo Montella. 
Questa è la formazione con cui il Milan è sceso in campo a Crotone nell’ultima giornata di campionato, terminata 1-1 all’Ezio Scida. Nel suo complesso, la rosa titolare con cui è partito OMontella nella 34^ giornata di Serie A è costata “solo” 23.3 milioni di euro. Non una cifra da Milan. 23.3 milioni di € ripartiti in questo modo: Donnarumma 0 €; Calabria 0 €, Zapata 6 mln €, Paletta 2.5 mln €, Vangioni 0 €; Kucka 3 mln €, Locatelli 0 €, Mati Fernandez 800 mila € (prestito); Suso 1,30 mln €, Lapadula 9 mln €, Deulofeu 700 mila € (prestito). Totale: 23.3 milioni di euro.
Il momento di crisi del Milan in questi ultimi anni è testimoniato anche da queste cifre. Tutto ciò però sottolinea ancora una volta di più lo straordinario lavoro che Montella sta facendo con questi ragazzi. Giocatori che, probabilmente, non sono all’altezza di quello che il Milan fu nel passato ma che ce la stanno mettendo tutta per riavvicinare i tifosi ai colori rossoneri dopo questi 5 ultimi anni di poche gioie e molti dolori. Giocatori che, nonostante queste cifre, sono stati in grado di vincere una Supercoppa Italiana contro la ben più forte Juventus, la quale sta dominando in Italia da 6 anni ormai e che quest’anno, mai come gli altri anni, è forte candidata al triplete. Questa è una delle formazioni più povere mai avuta da Berlusconi (Yonghong Li non ha ancora avuto il suo primo Milan contando che è subentrato in campo ad aprile e non ha ancora effettuato una sua campagna acquisti). Questo Milan quindi è da attribuirsi ancora all’ex patron, che sotto i suoi 31 anni di gloriosa presidenza, ha visto (e speso) ben di più. Come per la formazione 2002/2003…

Leggi anche:  Calciomercato Serie A: i nomi più chiacchierati in ogni ruolo

LA FORMAZIONE PIÙ COSTOSA NEL 2002/2003: IN CAMPO 206,2 MILIONI DI EURO – Se vogliamo fare un paragone (che non può esistere) con uno dei Milan precedenti, la situazione è quasi imbarazzante. Per la formazione di Crotone, costata come già detto 23.3 milioni, Berlusconi ha speso 9 volte meno di quanto volle fare per la formazione 2002/2003, guidata da Carlo Ancelotti alla conquista della Champions League contro la Juventus di Marcello Lippi, vinta all’Old Trafford ai calci di rigore (dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari e supplementari). Per assicurare al mister (e a se stesso) quei giocatori, Berlusconi spese 206,2 milioni di euro nei vari anni precedenti. La formazione tipo della stagione 2002/2003 recitava così. Milan 4-3-1-2: Dida; Costacurta, Nesta, Maldini, Kaladze; Gattuso, Pirlo, Seedorf; Rui Costa; Shevchenko, Inzaghi. Allenatore Carlo Ancelotti. Questa squadra costò più o meno quanto segue (per alcuni giocatori è stato convertito il costo del cartellino da lire ad euro, essendo stati acquistati quando vigeva la vecchia moneta): Dida 1,5 mln €; Costacurta 0 €, Nesta 30,2 mln €, Maldini 0 €, Kaladze 16 mln €; Gattuso 9 mln €, Pirlo 18 mln €, Seedorf 20 mln €; Rui Costa 44 mln €; Shevchenko 21 mln €, Inzaghi 46,5 mln €. Totale: 206,2 milioni di euro.
Insomma, il temine di paragone non sussiste neanche. Vedremo se Yonghong Li conitnuerà sulla falsa riga degli ultimi anni del Berlusconi presidente, o se tornerà ad investire come faceva il cavaliere nei primi anni da patron del club rossonero. Milan Champions League 2003 Juventus Old Trafford Manchester

  •   
  •  
  •  
  •