Venezuela: i calciatori si ribellano al regime di Maduro

Pubblicato il autore: Tudor Leonte


Ha dell’incredibile quello che è successo in Venezuela. Durante una partita della quattordicesima giornata della Primera Division tra le squadre Lara e Deportivo Anzoategui, i giocatori si sono ribellati ai dettami del presidente Nicolas Maduro, che ha vietato di ricordare le vittime delle proteste antigovernative che stanno sfociando in tutto il paese. I giocatori delle due squadre si sono accordati per fare un minuto di silenzio per le vittime delle proteste contro il governo dopo il fischio di inizio partita. Le proteste sono particolarmente sentite e contano già 28 morti, vittime delle richieste di miglioramenti nel proprio paese.

A darne la notizia sono stati dei giornalisti

La TV nazionale non ha trasmesso questo momento perché schierata politicamente a favore del presidente.
La partita è poi finita 0 a 2 per la squadra ospite, il Deportivo Anzoategui. Ad aprire le danze è stato Charlis Ortiz al minuto 30, seguito poi da un suo compagno, Yohan Cumana, che ha messo al sicuro il risultato e regalato la vittoria alla sua squadra al settantesimo minuto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Andrea Pisanu a SuperNews: "Bielsa fonte di ispirazione. Malta palestra di vita e di calcio. Cagliari e Parma le squadre del cuore"