Il Taranto è in vendita: “Chi fosse interessato a subentrare potrà acquisire il 90% delle quote al costo di 1,00 €”

Pubblicato il autore: Benedicta Felice Segui

Il Taranto è in vendita ad un euro non un centesimo di più. Un annuncio che ha il sapore della beffa ma che è pura realtà. Il club pugliese non ha avuto problemi a diffondere il comunicato nonostante sembrasse una irrisoria provocazione. La situazione è stata originata dal malcontento causato dai tifosi che ultimamente avevano minacciato di disertare le gare casalinghe della prossima stagione, in segno di protesta contro l’attuale proprietà.

L’animo della tifoseria tarantina non è placato neanche con la presa in considerazione di una buona campagna degli acquisti attuata per il raggiungimento della Serie C. In ragione di ciò, il comunicato della società pugliese non si è fatto attendere ed è stato diffuso con parole incisive e chiare: “Preso atto del perdurare del clima di mancanza di fiducia nei nostri confronti da parte di alcune variegate espressioni dei tifosi tarantini – spiegano il presidente del club pugliese, Elisabetta Zelatore e il socio Antonio Bongiovanni -, intendiamo disimpegnarci dalla gestione del Taranto qualora si proponesse un soggetto interessato credibile, in grado di presentare reali e certe garanzie morali e di solvibilità economica a mezzo di fidejussione bancaria”. A tale documento si è aggiunta la famosa frase che ha suscitato stupore per la scelta: “Chi fosse interessato a subentrare potrà acquisire il 90% delle quote al costo di 1,00 € fornendo contestuali garanzie al rispetto e all’osservanza degli impegni tecnici, contrattuali ed economici già assunti dalla predetta società”. Inoltre il periodo di tempo concesso ai probabili compratori per farsi avanti è molto breve in quanto la scadenza è fissata per alle 13,00 del 6 agosto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Cruciani duro sulla morte di Maradona: "Non si può piangere per un cocainomane"