Milan, Bonucci si presenta: “Ecco perché ho scelto i rossoneri”

Pubblicato il autore: Alessandro Creta Segui

Leonardo Bonucci, neo acquisto del Milan con la maglia 19. Fonte: Facebook AcMilan

MILAN, BONUCCI PRESENTATO IN CINA: “VOGLIO VINCERE TANTO”. IL DIFENSORE AVRA’ LA NUMERO 19– “Nulla è impossibile“, questo il mantra ed il ritornello di Fassone, Bonucci e Mirabelli in occasione della presentazione ufficiale del nuovo difensore rossonero.
Nulla è impossibile“, un motto che gli alti vertici della società hanno fatto loro e che nasce proprio dalla trattativa per portare Bonucci alla corte del Diavolo. Un affare che sembrava appunto impossibile a molti, ma che Fassone e Mirabelli sono riusciti a far diventare realtà nonostante lo scetticismo iniziale attorno a quelle che sembravano solo voci di fantamercato.

E’ stata una presentazione molto “social” quella di Bonucci come nuovo giocatore del Milan, attraverso la piattaforma Weibo il centrale ha rilasciato le prime dichiarazioni ufficiali da rossonero pur senza spiegare i motivi che lo hanno allontanato dalla Juventus. Una promessa fatta però ai suoi nuovi tifosi, quella di “tornare a vincere“.
Il calore dei tifosi mi ha trasmesso tanto entusiasmo” ha detto Bonucci, “è stato bello, spero di alimentarlo con tante vittorie lungo gli anni. Il Milan merita di vestire abiti migliori sia in Italia sia in Europa“.

Leggi anche:  Juventus, il giudice sportivo ha deciso: due giornate a Morata

Si è discusso molto attorno a quello che sarà il numero di maglia del difensore, a svelare il mistero ci ha pensato il diretto interessato: “La numero 19? In questo spogliatoio sono entrato in punta di piedi, ho parlato con Kessie e ci siamo accordarti. Lo ringrazio, lui è un ragazzo intelligente e sensibile, è stato un grande investimento per questo club“.
La parola poi anche al ds Fassone che spiega come è nata l’idea Bonucci: “Per noi è uno straordinario rinforzo fortemente voluto. E nato da un’idea quasi impossibile, sviluppato con alcune chiacchierate fatte con Mirabelli. Devo essere sincero: già alla prima telefonata Leo mi ha detto che nulla è impossibile“.

  •   
  •  
  •  
  •