Una speranza che ritorna a fiorire. E’ nato il figlio di Tiago, vittima del disastro aereo della Chapecoense

Pubblicato il autore: Benedicta Felice Segui

La rinascita di una famiglia e di una squadra. Oggi la speranza ritorna a fiorire dove c’era solo dolore, incredulità e disperazione. L’immagine della speranza è racchiusa in alcune foto che stanno facendo il giro del mondo: Gaziele la vedova del calciatore brasiliano Tiago Da Rocha Vieira con in braccio il suo bambino appena nato, foto che ha condiviso sul profilo instangram. Il bambino era stato concepito dalla coppia poche settimane prima della tragedia aerea che costò la vita a 71 persone, compreso il calciatore brasiliano.
Lo schianto avvenne il 28 novembre 2016 quando la squadra calcistica brasiliana si apprestava a giocare la finale della Copa Sudamericana contro i colombiani dell’Atlético Nacional avvenuto nei pressi della città colombiana di Medellín. La tragedia decimò i membri della Chapecoense lascandone vivi soltanto sei: Hélio Hermito Zampier Neto, Jackson Ragnar Follman e Alan Luciano Ruschel. L’arrivo del bambino ha restituito a Gaziele la gioia persa in seguito al disastro come testimoniano le sue parole lasciate su instangram: “E’ bello sentire un po’ di tuo padre con me. La mamma ti vuole bene e sono sicura che tuo padre starà con noi per il resto della nostra vita. Grazie Signore per questo bel regalo, grazie per prenderti cura di ogni dettaglio con tanto amore”.
Messaggi colmi di affetto e significato che lasciano un segno nell’animo di chi le legge: “Benvenuto a casa. La mamma ha preparato un posto speciale in camera così possiamo stare tutte e tre insieme. Papà veglia sempre su di noi, con la tua nascita si è avverato il suo sogno”.
Tiago era venuto a conoscenza della notizia pochi giorni prima che l’aereo precipitasse e per l’occasione aveva anche registrato un video rivolto alla moglie con l’aiuto dei compagni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Bruscolotti e Taglialatela replicano a Cabrini: "Non ci può dare lezioni di vita, sanno tanto di pregiudizi"