Bonucci e la Juventus, le “verità” del difensore: “Via perchè hanno fatto scelte diverse”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui

Juventus Bonucci, i motivi dell’addio ai bianconeri

A pochi giorni dall’inizio del campionato ed ancor meno, probabilmente, dalla sua prima uscita ufficiale con la maglia del Milan Leonardo Bonucci ha raccontato alla Gazzetta dello Sport le proprie verità su quello che probabilmente è stato in Italia il trasferimento più discusso ed inaspettato di questa sessione estiva di mercato. L’ex difensore della Juventus Bonucci ha raccontato alla Rosa particolari molto interessanti in merito al suo passaggio in rossonero illustrando quelle che a suo modo di vedere sono state le ragioni più importanti che lo hanno spinto a cambiare maglia dopo aver vinto tutto, o quasi, con i colori bianconeri.
Bonucci al Milan sogna di ripetere quello che qualche anno fa ha fatto, con percorsi invertiti, il centrocampista Andrea Pirlo: passato dal Milan, dove aveva trionfato in Italia ed in Europa, alla Juventus il centrocampista bresciano divenne uno degli uomini simbolo della rinascita della Juventus dopo gli anni difficili seguiti allo scandalo Calciopoli. E’ lo stesso Bonucci a svelare questo “sogno” alla Gazzetta dello Sport nel corso della sua lunga intervista concessa al quotidiano.

Leggi anche:  Arriva la bomba: "Cavani è infelice". Ecco le tre squadre su di lui

Juventus Bonucci, l’auspicio del neo rossonero

” Nella mia testa c’è l’idea di ripetere il percorso vissuto in bianconero, dove eravamo partiti da una rifondazione come in questo caso e siamo arrivati in alto. Ecco, qui voglio arrivare ancora più in alto. Nell’arco di quattro anni spero di arrivare a vincere la Champions. Voglio portare a casa tutto” >/em>

Bonucci non dimentica, però, i suoi trascorsi con la maglia della Juventus con la quale è riuscito ad affermarsi come uno dei difensori più forti del mondo. Una storia d’amore con i bianconeri finita però in malo modo per scelte prese dalla società e dal tecnico Allegri non condivise dallo stesso giocatore.

“Ringrazio la Juventus per quello che mi ha dato, con loro sono diventato uno dei migliori difensori del mondo ma quando fai certe scelte poi ti prendi le responsabilità ed hai le tue conseguenze. La Juve ed Allegri hanno fatto scelte ben precise ed io le ho fatte di conseguenza. Di certo le mie valutazioni non erano più quelle del passato, ma la scelta è stata condivisa con il club, quindi non è solo farina del mio sacco. Tutto parte da Oporto ma c’erano stati già altri episodi magari meno eclatanti”.

Il trasferimento di Bonucci al Milan ha suscitato le dure reazioni  dei tifosi della Juventus che specialmente sui social hanno criticato la scelta del difensore della Nazionale di trasferirsi in rossonero. Una situazione che non ha pesato più di tanto per Bonucci, abituato nel bene o nel male ad essere al centro delle critiche dei tifosi.

Leggi anche:  Perugia Femminile, Giulia Piselli: "Abbiamo lavorato molto in settimana, siamo pronte"

“Se mi facessi condizionare dai commenti sui social, nel 2011 avrei lasciato la Juve ed oggi non sarei qui al Milan. Mi hanno insultato perché ho cambiato maglia, ma la gente specialmente sui social è libera di esprimere il proprio pensiero e non provo rancore nei confronti dei tifosi della Juventus”.

Adesso Bonucci, che ha saltato la doppia sfida del preliminare di Europa League contro i rumeni del Craiova, è pronto a fare il proprio esordio in una gara ufficiale con la maglia del Milan. Giovedì contro lo Shkendija a San Siro il difensore dovrebbe partire titolare nel suo primo impegno di fronte ai suoi nuovi tifosi.

  •   
  •  
  •  
  •