Serie A, da sette a cinque grandi sorelle pretendenti al titolo?

Pubblicato il autore: David De Maria Segui


Serie A. Son passati moltissimi anni da quando con grande emozione e molte aspettative si parlava di 7 sorelle; Juventus, Milan, Inter, Roma, Parma, Lazio e Fiorentina. Che squadre fantastiche e che equilibrio tra le sette compagini che si apprestavano a lottare per le prime posizioni. Ognuna di loro aveva almeno 3/4 campioni a livello mondiale (la Fiorentina poteva contare su Batistuta e Rui Costa, Il Parma su Buffon, Cannavaro e Thuram) e nessuna partiva battuta ad inizio campionato. E’ chiaro che la tradizione delle tre del nord le metteva quest’ultime direttamente tra le favorite, ma quante volte abbiamo visto in quelle stagioni partite memorabili e vittorie schiaccianti di Parma, Fiorentina e Lazio ai danni di Roma, Juventus, Milan e Inter.
Che dire, l’album delle figurine aveva un senso!!!

Dopo questa prima giornata di campionato, ho percepito qualcosa ormai dimenticato da troppo e da tutti, ovvero l’equilibrio.Veder vincere tutte le favorite con 3 gol( alla Roma è bastato l’ 1-0) e portare i tre punti a casa, mi ha fatto riflettere, arrivando ad un conclusione… quest’anno ne vedremo delle belle!
La Juventus parte logicamente favorita, ma vincere il settimo di fila è una grandissima impresa che dopo la cessione di Bonucci diventerebbe leggenda. Il Milan, non solo per Bonucci, ma per tutti gli acquisti mirati fatti, si candida ufficialmente allo scudetto; non sarà facile amalgamare una squadra negli undici completamente rinnovata, ma promette molto molto bene; Kessiè, Rodríguez, Conti, Calhanoglu Kalinic e con grande sorpresa Cutrone, si aggiungono al difensore ex Juve e ai già presenti Donnarumma, Locatelli, Montolivo, Suso, per una squadra che nelle mani di Montella non dovrebbe affatto sfigurare.
La Roma non è ben vista dalla piazza romana, complice un mercato orfano del grande acquisto che tutti si aspettavano; non è molto considerata nemmeno dalle altri contendenti, tanto da non inserirla mai tra le favorite per la vittoria finale. Di Francesco però potrebbe essere l’ago della bilancia. Con lui o si vola, sempre che i senatori lo seguano, o si rischia di rimanere fuori dalle prime quattro, ma personalmente con Dzeko, Nainggolan, Manolas, Strootman, De Rossi e chissà, qualche altro nuovo acquisto di fine mercato, non può non esser messa di diritto tra le favorite; è pur sempre arrivata seconda l’anno scorso, con il capocannoniere tra le sue fila.

Leggi anche:  Luigi Mastrangelo a SuperNews: "Fefé De Giorgi grande tecnico, non mi è piaciuto il trattamento riservatogli in campionato. Per questa Nazionale un futuro pazzesco. Juventus? Con Allegri l'inizio stagione è sempre un po' "diesel"..."

Il Napoli potrebbe essere la vera sorpresa, non solo nel risultato finale, ma anche a livello europeo(Nizza permettendo). La squadra è la stessa dell’anno scorso e con gli ingranaggi di Sarri ripassati per il terzo anno di fila, non si può non preoccuparsi dei partenopei.
Mertens, Insigne, Calleon e Hamsik, guidano un’armata vincente che si muove a memoria, con movimenti perfetti. Chissà se il buon De Laurentis regalerà un altro gioiello negli ultimi giorni del mercato.
L’Inter. Spalletti sembra aver preso in mano la situazione ed aver portato la tanto cara “normalità” che ha sempre voluto in tutte le squadre che ha avuto. La rosa è buona ed è molto probabile che senza coppe i neroazzurri possano dare molto molto fastidio per la lotta alle prime posizioni.

Leggi anche:  Serie A, Genoa-Fiorentina le probabili formazioni: out Caicedo, c'è Ekuban

Forse non sono sette queste sorelle ma cinque posson bastare! Buon campionato a tutti.

  •   
  •  
  •  
  •